Il Pd al lavoro sulle nuove province:”Sarà cambiamento epocale”

Presentato l’evento che concluderà l’estate della Festa Democratica alla Schiranna: saranno ospiti il sindaco di Monza Roberto Scanagatti, quello di Como Mario Lucini insieme al sindaco di varese Attilio Fontana

«Quello che succederà alle province determinerà un cambiamento epocale nella vita dei cittadini». Secondo il Partito Democratico la ridefinizione di dimensioni e ruoli delle province italiane sarà il tema che farà da perno a tutto il dibattito politico dei prossimi mesi e quindi «meglio arrivare preparati a ciò che ci aspetta». Fabrizio Taricco e Alessandro Alfieri, segretario provinciale e consigliere regionale del Pd, hanno presentato l’evento che concluderà l’estate della Festa Democratica alla Schiranna: si tratta dell’incontro di domenica 2 settembre (ore 21 presso gli spazio della festa) al quale saranno ospiti il sindaco di Monza Roberto Scanagatti, quello di Como Mario Lucini insieme al sindaco di varese Attilio Fontana.

Lo spunto di partenza, obbligato, sarà l’input governativo che tra “Salva-Italia” e Spending Review ha imboccato il percorso di drastica razionalizzazione e ridefinizione delle province italiane: «una decisione che interverrà direttamente in tanti ambiti della vita quotidiana dei cittadini – spiega Taricco -, che porterà a ridefinire gli enti e i servizi alla persona ma che potenzialmente rimetterà in discussione tutti gli aspetti della nostra società disegnati sull’attuale definizione territoriale: i sindacati, le associazioni di categoria e a dirla tutta anche l’assetto della politica, a partire dal mio ruolo: potrò continuare a definirmi segretario provinciale?».

Per questo il Pd ha già avviato i lavori per arrivare con una proposta strutturata quando sarà il momento di rendere esecutiva la decisione del Governo: «tra la posizione conservatrice di chi non accetta nemmeno di aprire una discussione sul tema e quella del Governo che chiede l’applicazione tout court delle decisioni prese noi crediamo che ci sia lo spazio per la mediazione della politica, l’unica capace di portare questo processo a compimento e di farlo con la legittimazione dei cittadini – spiega Alessandro Alfieri, che in Regione coordina per conto del partito il tema del riassetto delle province».
Il Pd in questo momento si sta muovendo secondo un percorso con tappe già tracciate. «Nella fase attuale stiamo facendo un lavoro di ascolto – Spiega Alfieri -: abbiamo aperto il confronto con tutte le realtà territoriali, da quelle istituzionali a quelle sociali ed economiche. Quando avremo ben chiari i principi che dovranno stare alla base della futura ridefinizione proveremo a tracciare degli ambiti territoriali omogenei ed, infine, a costruire dei modelli di governance innovativi».
Un percorso complesso nel quale il partito intende spendere le proprie forze, «il cambiamento sarà epocale – racconta Alfieri -, i fattori dei quali tenere conto saranno tantissimi: l’obiettivo sarà quello di costruire un sistema policentrico capace di distribuire sul territorio i propri servizi che dovranno rimanere efficienti, accessibili ed economici».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.