“Il tema delle scorte è materia delicata, bisogna pesare bene le parole”

Il Siap (Sindacato italiano appartenenti polizia) interviene sulla querelle del trasferimento interno di un sovraintendente. «Siamo soddisfatti delle iniziative del Questore e del responsabile dell’ufficio scorte e sicurezza»

«Il tema delle scorte è materia delicata, bisogna pesare bene le parole, le polemiche e le strumentalizzazioni nocive per tutti gli Italiani». Così il Siap (Sindacato italiano appartenenti  polizia) commenta la decisione del trasferimento interno di un sovraintendente. «La sicurezza di uomini politici, magistrati e sindacalisti  impegnati nella lotta contro la criminalità e l’eversione  – spiega Luigi Empirio, segretario del Siap – sancisce l’affermazione e il godimento concreto del principio di legalità. Vi è un ufficio preposto al dipartimento della pubblica sicurezza, che assegna o meno la tutela e la scorta su indicazioni nazionali e dei prefetti, quale organo politico provinciale, che presiedono “Il Comitato provinciale dell’Ordine e la Sicurezza Pubblica” unitamente ai questori ed ai comandanti provinciali dell’arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza».
Il Siap si chiede «a chi giova sfruttare la vicinanza di un leader politico per interessi personali a svantaggio della collettività? I chiarimenti forniti dal questore di Varese alla nostra organizzazione sindacale, maggiormente rappresentativa, sono il frutto di una persona intellettualmente onesta, che ha come obbiettivo non solo la tutela delle personalità, ma anche e soprattutto la sicurezza dei cittadini e dei poliziotti tutti. Non ha senso dunque ed è inoltre deontologicamente scorretto, nonché sindacalmente, fare attacchi personali al questore edal responsabile dell’Ufficio Scorte, insediati nella nostra provincia non più tardi del 12 giugno, ritrovandosi delle beghe dovute ad una mal gestione passata di tale ufficio. Se a tale attacco ci si aggiunge la sola ed esclusiva difesa per interessi personali di un singolo che ad hoc si crea una sigla sindacale, non rappresentativa, per imporre soluzioni all’esclusivo interesse personale, siamo al paradosso totale. Solo chi è in mala fede può far passare un messaggio inquietante che un Questore possa intromettersi nelle Alchimie Politiche.
I comunicati personalistici, letti in questi giorni, non fanno altro che svilire chi veramente è a tutela di tutti i cittadini che quotidianamente, si sacrificano per la collettività.  Il Siap è soddisfatto delle iniziative del Questore e di conseguenza del responsabile dell’ufficio scorte e sicurezza della Questura di Varese, i quali hanno come unico interesse la tutela delle personalità e la salvaguardia dei cittadini e dei poliziotti , nessuno escluso. Infine, dobbiamo considerare che i Poliziotti incaricati per la tutela delle personalità, dipendono dal dipartimento della pubblica sicurezza e non sono dei body-guard personali. Questa organizzazione sindacale esprime massima solidarietà al Questore di Varese ed al responsabile dell’Ufficio scorte».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.