La Gallaratese torna a giocare al “Maino” di via Pegoraro

Il campo sportivo ai margini del centro è di proprietà della società ed è stato costruito negli anni Venti: ospiterà le partite in casa

Riparte l’avventura della Gallaratese dopo gli ultimi due anni di traversie e i bianco-blu tornano anche a giocare nello stadio "storico" della città, il "Maino" di via Pegoraro. «Vogliamo riproporre alla piazza di Gallarate, all’intera città, un qualcosa di positivo: è ritornata la Gallaratese» dice il direttore sportivo della società Livio Colombo.
Lo stadio è anche il simbolo di una storia che attraversa tre secoli: costruito prima della Seconda Guerra Mondiale, sorge di fianco alla sede della gloriosa "Società Ginnastica Gallaratese", nata addirittura nel lontanissimo 1876 e che ha dato lustro alla città, con l’atletica e con il calcio. Lo stadio è dedicato ad Alessandro Maino, industriale gallaratese e poi senatore. Intanto sono iniziati i primi lavori per rendere pienamente utilizzabile l’impianto, con la tribuna e la curva che sorgono sotto il muraglione della ferrovia per Varese (possiamo chiamarla "curva ferrovia" come a La Spezia?), a due passi dal centro della città.

Galleria fotografica

Lo stadio Maino di Gallarate 4 di 15
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 agosto 2012
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Lo stadio Maino di Gallarate 4 di 15

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.