“Lasciate che i pendolari vengano a me”, il nuovo spettacolo dei Legnanesi

Verrà presentato durante la prossima stagione teatrale il nuovo spettacolo della compagnia. In programma un tour per tutta Italia

I LegnanesiDopo il grande successo nella scorsa stagione, che li conferma protagonisti assoluti del panorama teatrale italiano con 120.000 spettatori, I Legnanesi tornano con uno nuovo spettacolo che, per la prima volta, ha un titolo in italiano e non in dialetto lombardo: Lasciate che i pendolari vengano a me.
Il titolo riprende quello di una rivista ricevuta in eredità da Felice Musazzi, ma i contenuti sono inediti, sempre caratterizzati da uno sguardo all’attualità. Restano invece invariati i protagonisti, ormai entrati nella tradizione ed amati dal pubblico – la Teresa, Mabilia e Giovanni – e l’ambientazione, ovvero quel “cortile” che ha caratterizzato la vita dell’Italia non solo in Lombardia: il regno delle donne, dei ragazzi, degli amori e dei litigi, delle invidie, dei problemi di tutti i giorni, dove però, in fin dei conti, tutti vivono in armonia e serenità. La stagione 2012/2013, per i Legnanesi, sarà costellata di importanti novità che testimoniano la vitalità di una realtà teatrale che ormai spazia ben oltre i confini lombardi. Insigniti del “Premio Walter Chiari” alla carriera nell’ambito della 21ma edizione che si terrà il 4 agosto a Milano Marittima, nel mese di ottobre (dal 5 al 9) i Legnanesi, in collaborazione con Costa Crociere, saranno protagonisti di una mini-vacanza I Legnanesisulla Costa Luminosa (partenza da Savona, tappe a Barcellona, Ibiza e Marsiglia) in cui sarà possibile trascorrere giornate e festeggiare in compagnia della "Teresa" della "Mabilia" e di "Giovanni" e proporranno agli ospiti il loro “Patì…e patem”. Dopo la calorosa accoglienza ricevuta a Firenze e Torino lo scorso anno, la compagnia tornerà in queste città (al Teatro Verdi dal 23 al 25 novembre 2012 e al Teatro Colosseo il 6 aprile 2013) per “contagiare” tanti altri spettatori con la loro irresistibile comicità. Non può mancare ovviamente il tradizionale e prestigioso appuntamento con gli spettatori milanesi, che da sempre regalano ai Legnanesi migliaia di applausi: “Lasciate che i pendolari vengano a me” sarà in scena al Teatro Nazionale dal 1 febbraio 2013 (biglietti in vendita su www.ticketone.it). Da oltre sessant’anni I Legnanesi entusiasmano spettatori di tutte le età e uniscono un singolare mix di italiano e dialetto lombardo in un “italiandialetto” per conquistare ed appassionare anche i più giovani e il pubblico di altre regioni, oltre ad essere stimati e riconosciuti dai critici teatrali. Il segreto del loro successo sta in un modo di recitare spontaneo e genuino, capace di far rivivere la tradizione della vita del cortile a chi l’ha vissuta e di raccontarla agli spettatori più giovani attraverso una comicità pulita, senza volgarità, che racconta la vita della gente comune. E anche questa volta i tre strepitosi protagonisti (Antonio Provasio-Teresa, Enrico Dalceri-Mabilia e Luigi CampisiGiovanni), racconteranno le loro vicende quotidiane, universali, semplici ma profonde allo stesso tempo, con uno sguardo sempre attento e acuto all’attualità con quella vìs comica che li contraddistingue. Descrivere uno spettacolo de I Legnanesi è quasi impossibile: il loro teatro è affidato alle straordinarie doti di improvvisazione che li hanno resi eredi della grande tradizione teatrale del varietà ormai quasi scomparsa: oltre due ore di spettacolo tutta al maschile (insieme alla famiglia Colombo, sul palcoscenico, anche 10 personaggi della tradizione e 10 scatenati “boys”), tra ambientazione tipica del cortile e momenti musicali, scene sfavillanti, costumi sfarzosi e tanto divertimento, fino al gran finale in smoking.

Galleria fotografica

I Legnanesi a Busto Arsizio 4 di 4
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 agosto 2012
Leggi i commenti

Galleria fotografica

I Legnanesi a Busto Arsizio 4 di 4

Galleria fotografica

I Legnanesi, 60 anni di teatro 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.