Piante nel bosco e 200 grammi di marijuana in casa, arrestati due giovani

La squadra mobile della questura varesina ha videosorvegliato la piantagione ed è riuscita a risalire ai ragazzi che la curavano e ad un loro fornitore

La piantagione di marijuana era stata notata in un bosco nei pressi di Casciago e tra quelli che l’hanno vista qualcuno ha avvertito la polizia. In poco tempo sono iniziate le indagini che hanno portato all’arresto di due giovani, un minorenne di 17 anni ed un 20enne, entrambi di Casciago.
Gli uomini della Squadra Mobile, guidati dal dirigente Bartolotta, hanno messo sotto videosorveglianza la piantagione dopo averla individuata tra le piante, circa una ventina, che venivano regolarmente innaffiate e accudite dai ragazzi. Dai filmati, e grazie soprattutto alle targhe dei motorini utilizzati, i poliziotti sono riusciti a risalire all’identità dei giovani che curavano le piante.
Il primo al quale sono risaliti è stato un 17enne, di professione panettiere, al quale è stata perquisita la casa. All’interno sono stati recuperati una cinquantina di semi, delle confezioni pronte, un bilancino e altri strumenti che riconducevano inequivocabilmente il giovane alla piantagione. Attraverso di lui gli uomini della Mobile sono poi arrivati ad un altro 20enne, questo solo denunciato, che di fronte alle immagini delle telecamere ha dovuto ammettere la sua partecipazione alla coltivazione della marijuana.
Ma quello che i giovani spacciavano come un hobby non ha convinto la polizia, in particolare in seguito al ritrovamento di un foglio scritto a penna nel quale era contenuta quella che sembrerebbe una vera e propria contabilità della vendita di stupefacente. Lo scritto è ripartito in due categorie, "Nero" e Ganja" che indicherebbero il tipo di droga venduta, con le cifre e le sigle degli acquirenti.
Dalle ulteriori verifiche sulla scheda telefonica del minorenne gli investigatori sono poi risaliti ad un altro 20enne, sempre di Casciago, dal quale pare si rifornisse di droga. In casa di questo terzo giovane, incensurato come tutti gli altri ma già noto alla Digos perché ultras del Varese calcio allo stadio, sono stati trovati 50 grammi di hascish e 200 di marijuana. È stato tratto in arresto.
La questura varesina sta aspettando, inoltre, l’analisi delle piante recuperate per la determinazione del principio attivo in esse contenute, un dato che servirà poi per determinare la gravità del reato a carico del minorenne.

Galleria fotografica

Sequestro marijuana a Casciago 4 di 9
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 agosto 2012
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Sequestro marijuana a Casciago 4 di 9

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.