Sequestrato un terreno pronto per una casa abusiva

L'area si trova in via Corbetta, zona cimitero: spianato e riempito di inerti, secondo Polziia Locale e Procura era destinato all'edificazione senza autorizzazioni

La Procura di Busto Arsizio (nella foto) ha chiesto e ottenuto il sequestro di un terreno agricolo a Busto Arsizio: secondo gli elementi raccolti era destinato ad essere edificato in modo abusivo.
Il sequestro è scaturito da una denuncia della Polizia Locale di Busto, che ha rilevato nelle settimane scorse le modifiche subite dal terreno posto in via Corbetta (zona cimitero), che è stato recintato, spianato e cosparso in parte di inerti. Il sequestro preventivo predisposto dal sostituto procuratore Nadia Calcaterra e convalidato dal GIP Nicoletta Guerriero.
Secondo Polizia Locale e Procura di Busto Arsizio l’intenzione dei proprietari era di costruire una casa d’abitazione: i proprietari appartengono ad una famiglia attualmente residente al campo nomadi di Gallarate ma che avrebbe in programma di trasferirsi sul terreno, che ha una superficie piuttosto ampia (1000 metri quadri). L’edificazione rappresenterebbe ovviamente un abuso ambientale e un reato: l’attenzione della Polizia Locale e della Procura è alta su questo fronte, non solo a Busto Arsizio ma anche in altre aree ai margini degli abitati (come a Somma Lombardo), esposte a fenomeni di urbanizzazione illegale o usate per attività non autorizzate e potenzialmente pericolose, come le discariche.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.