Si era accoltellato “per amore”, non potrà più vedere la ex

Il 12 agosto aveva fatto harakiri: secondo la Polizia era l'ultimo di una serie di atti persecutori, tanto che aveva mandato sms alla ragazza dal letto d'ospedale. Il giudice ora ha imposto misure restrittive

Si era accoltellato per richiamare l’attenzione della ex e adesso non la potrà più vedere. La storia è quella dell’uomo che lo scorso 12 agosto si è accoltellato all’addome, di sua volontà, davanti alle casse del Mc Donald’s di piazza Garibaldi, in pieno centro a Busto Arsizio. L’uomo – un 37enne – l’aveva fatto per convincere l’ex fidanzata ventenne a riprendere la loro relazione sentimentale interrotta, ma l’effetto non è stato quello sperato: l’accoltellatore-accoltellato è infatti stato raggiunto da un provvedimento cautelare con il quale il Giudice per le Indagini Preliminari di Busto Arsizio gli vieta di contattare la vittima, i suoi congiunti ed amici e di avvicinarsi ai luoghi da loro frequentati.

Gli agenti del Commissariato della Polizia di Stato di  Busto Arsizio avevano da subito ipotizzato che l’eclatante gesto in realtà fosse stato compiuto a scopo di rivalsa nei confronti della ex e che costituisse l’ultimo episodio di una serie di atti persecutori: per questo gli agenti hanno convocato la giovane, che ha confermato che – da quando aveva deciso di interrompere la relazione – aveva ricevuto assillanti telefonate e messaggi SMS nei quali lo spasimante alternava intimidazioni più o meno esplicite ad accorate dichiarazioni d’amore, accompagnate appunto dalla minaccia di farla finita.

Messaggi di questo tipo erano addirittura stati inviati, subito dopo l’episodio dell’auto-accoltellamento, dal letto di ospedale nel quale l’uomo aveva trascorso alcuni giorni prima di essere dimesso. Il quadro così delineato ha indotto la Polizia di Stato ad ipotizzare il reato di atti persecutori o “stalking” in capo all’uomo. Non solo: il 37enne è risultato già autore di simili comportamenti anche nei confronti di una precedente fidanzata. E allora a questo punto l’Autorità Giudiziaria, sulla base degli elementi raccolti, ha potuto emettere la misura cautelare.  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.