Stranieri, al via i progetti per insegnare l’italiano

Proseguono le azioni sperimentate con successo in passato. Boscagli: «Già 20000 immigrati hanno frequentato i nostri corsi

Prosegue l’impegno di Regione Lombardia per l’integrazione dei cittadini stranieri, attraverso il sostegno a corsi di lingua italiana, educazione civica e orientamento al lavoro. Grazie a due delibere approvate dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà sociale Giulio Boscagli, saranno riproposti anche nei prossimi mesi due progetti già sperimentati con successo. Grazie a un finanziamento statale di 2,3 milioni di euro, ottenuto da Regione Lombardia attraverso un bando, sarà realizzata la seconda edizione di "Vivere in Italia. L’italiano per il lavoro e la cittadinanza", iniziativa già avviata quest’anno anche attraverso il kit distribuito in 600 copie "Cittadini in Gioco". Allo stesso tempo, proseguirà con la sua quinta edizione, il progetto "Certifica il tuo italiano" – che prevede l’organizzazione di corsi di lingua per stranieri -, grazie a un nuovo finanziamento di 560.000 euro (464.000 statali e 96.000 regionali). 
«Andiamo avanti con queste iniziative – spiega Boscagli – che negli ultimi anni ci hanno permesso di realizzare 1.191 corsi di italiano L2 per adulti, che hanno coinvolto 19.935 utenti stranieri. Un risultato importante, se si considera che oltre il 70 per cento dei partecipanti ha conseguito la certificazione linguistica secondo gli standard del Quadro Europeo Comune delle Lingue».
«Per la Lombardia – prosegue Boscagli – posiamo parlare di una immigrazione matura. Tutti insieme stiamo compiendo i passaggi per una integrazione piena, che non è qualcosa da progettare e calare dall’alto, bensì da osservare in atto».
VIVERE IN ITALIA – La seconda edizione del progetto "Vivere in Italia" si pone in continuità e complementarietà con gli interventi realizzati sul tema dell’insegnamento dell’italiano e vede la partecipazione di numerosi partner, oltre che l’adesione delle 12 Prefetture lombarde e delle Amministrazioni provinciali. Questi alcuni dei principali obiettivi: la promozione a livello regionale di un’azione di sistema sui temi della formazione linguistica di italiano L2 e dell’educazione alla cittadinanza; il potenziamento dell’offerta formativa territoriale di italiano L2; l’attivazione di procedure condivise per facilitare l’organizzazione e la realizzazione in Lombardia dei test di lingua previsti dal DM 4 giugno 2010; la realizzazione di un piano di aggiornamento e formazione avanzata dei docenti lombardi sull’insegnamento dell’italiano L2 a stranieri adulti; l’implementazione di strumenti per facilitare l’apprendimento e la verifica delle competenze minime in materia di educazione alla cittadinanza. 
CERTIFICA IL TUO ITALIANO – Il progetto 2Certifica il tuo Italiano", attraverso ampio sistema di reti territoriali costituito da oltre 200 soggetti tra scuole, Enti locali, associazioni, parrocchie, offre percorsi per adulti finalizzati all’acquisizione della Certificazione dell’Italiano L2 secondo gli standard di riferimento del Quadro Comune Europeo delle Lingue (QCERL), utile anche per l’acquisizione del permesso di soggiorno di lunga durata. La prosecuzione del progetto ha queste finalità: contribuire a migliorare le competenze in lingua italiana degli stranieri giovani e adulti, di recente o meno recente immigrazione, secondo gli standard di riferimento del Quadro comune europeo delle Lingue per favorire la spendibilità dell’impegno formativo nel lavoro e nello studio; favorire l’apprendimento della lingua italiana agli immigrati di recente immigrazione e/o con livello basso di conoscenza dell’italiano e, più in generale, alle persone in condizione di maggiore svantaggio linguistico e sociale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.