Temporale sul lago, piante cadute e allagamenti

Serata di superlavoro per i civici pompieri della città di Locarno: tra gli interventi, anche un allagamento con fuoriuscita di olio combustibile

Il maltempo ha colpito Locarno e i dintorni nella serata di venerdì, costringendo i locali civici pompieri ad una serata di gran lavoro per intervenire sulle emergenze: una decina gli allarmi a cui i pompieri hanno risposto. tra le 19.30 e le 23.30.

La raffica di interventi si è aperta alle 22.28, con il primo di una serie di allarmi causati dal violento temporale abbattutosi sul Locarnese. Ad Ascona, in via Lido 2, l’acqua penetrata in una cantina e in un garage ha causato una piccola fuoriuscita di olio combustibile da un bruciatore. Dopo aver recuperato il liquido inquinante, i pompieri hanno provveduto ad aspirare l’acqua e ripristinare la normalità. Nello stesso tempo una pianta caduta sul campo stradale in via Balestra a Locarno è stata tagliata e rimossa, ripristinando il traffico. Anche a Riazzino, alcune piante cadute sul campo stradale nei pressi della rotonda che porta in direzione della zona industriale di Locarno sono state tagliare e rimosse da un altro gruppo di militi.

Nuova serie di allarmi alle 22.50. Il primo ancora ad Ascona, in viale Monte Verità, dove vi sono stati un garage e una cantina allagati. I pompieri anche in questo caso hanno provveduto con le attrezzature per gli allagamenti a ripristinare la situazione. Alle 23.00, sempre ad Ascona, alcune piante cadute in via Delta all’altezza del civico 137 sono state dapprima tagliate ed in seguito rimosse, permettendo di liberare il campo stradale. Pochi minuti dopo, alle 23.15, un altro gruppo di pompieri si è invece recato in Piazza Pedrazzini, a Locarno, per spostare una palma caduta che impediva il traffico.  Anche a Minusio, in via Navegna, presso un hotel, una pianta caduta sul campo stradale è stata rimossa, mentre in via Saleggi 2, ad Ascona, i pompieri hanno collaborato con i proprietari di uno stabile a prosciugare la cantina allagata.

 La situazione si è normalizzata verso mezzanotte e mezza, quando tutti i gruppi intervenuti sono rientrati e hanno provveduto alla pulizia e al ripristino di materiale e veicoli.

Complessivamente sono interventi una dozzina di pompieri, che hanno utilizzato diversi veicoli, motoseghe e attrezzature per il recupero dell’acqua. Complessivamente i danni sono stati comunque limitati e non risulta vi siano stati feriti o contusi causati dalle piante cadute.

Come se non bastasse, il primo allarme della serata, giunto tramite il 118 alle 19.22, era per un incendio nella valle di Bordei, nelle Centovalli: a bruciare era una cascina, in una zona senza collegamento veicolare. L’incendio è stato domato con l’ausilio di un elicottero, che ha provveduto ad effettuare diversi lanci fino a estinzione delle fiamme. Visto il maltempo incombente e la zona impervia, un sopralluogo più approfondito è stato rimandato. L’interevento è stato effettuato in collaborazione con i militi del Corpo pompieri Melezza.

Sempre per il violento temporale, segnalati poi anche black-out a Gerra Piano e Cugnasco.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.