Tre Valli, tutte le curiosità

Dopo 60 anni l'arrivo della classica agostana sarà sul Lago Maggiore dove trionfò Giuseppe “Pipazza” Minardi. Nell'occasione verrà premiato con il trofeo Regio insubrica il miglior corridore del Gran Premio di Lugano

Così come la società ciclistica Alfredo Binda ci ha abituati nell’ultimo decennio anche l’edizione numero 92 della Tre Valli Varesine sarà un insieme di tradizione e novità. Si correrà sabato 18 agosto e già l’appuntamento prefestivo rappresenta una novità rispetto al passato, così come punto tra le innovazioni del 2012 c’è il Trofeo Regio Insubrica che vedrà la premiazione sul palco delle Tre Valli Varesine del corridore che si sarà meglio comportato nel Gran Premio di Lugano, corso il 26 febbraio, e nella corsa bindiana. Ci sarà poi la conclusione del Trittico Regione Lombardia che gratificherà colui che si è espresso al meglio nelle tre gare lombarde agostane.
Partenza da Campione d’Italia e sarà il lungolago di Campione d’Italia la passerella delle sedici squadre che prenderanno parte alla Tre Valli Varesine. Piazzale Maestri Campionesi ospiterà il palco del foglio firma dove le squadre saliranno una dopo l’altra per il rito pre gara dalle ore 10.15.
La città, enclave italiana in territorio elvetico, si appresta ad ospitare per l’ottava volta negli ultimi dodici anni la partenza della classica organizzata dalla Binda e Azienda Turistica, amministrazione comunale e Casinò di Campione d’Italia hanno curato tutto nei minimi dettagli per la mattinata che vedrà la vetrina dei corridori in gara prima del via che verrà dato alle ore 11.45 dal vicesindaco di Campione d’Italia Mariano Zanotta.
Sarà una Tre Valli Varesine all’insegna dell’internazionalità con in gara corridori di diciannove nazioni e con il numero uno il Campione d’Italia Franco Pellizotti del team Androni. Grandi firme del ciclismo internazionale in corsa come i francesi dell’Europcar, reduci dai successi al Tour de France, e gli spagnoli della Movistar, attesi protagonisti sui 198 chilometri del tracciato con l’arrivo previsto sul lungolago di Luino. Nel mezzo 198 chilometri fatti di saliscendi.
Negli ultimi anni la corsa della “Binda” ha dei punti fermi : Luino, Campione d’Italia e Varese. È qui che “ruota” la gara. Si partirà dalle rive del lago Ceresio a Campione d’Italia, Varese avrà il palcoscenico adeguato con un circuito cittadino, dove i corridori arriveranno alle ore 12.30 per percorrere tre tornate, poi l ‘ascesa dell’Alpe Tedesco, con il passaggio in cima previsto per le ore 14.20 e il gran finale con il circuito italo – svizzero che prevede quattro passaggi da Luino ad iniziare dalle ore 15. Diretta televisiva sui Rai 3 dalla ore 14.45 alle ore 17 e premiazioni finali sul palco d’arrivo del Trittico Regione Lombardia e del Trofeo Regio Insubrica, particolari che renderanno la gara della “Binda” ancor più affascinante.
L’arrivo in riva al Lago Maggiore manca dal 1952, quando si impose Giuseppe “Pipazza” Minardi davanti ad Alfredo Martini. C’è poi la valorizzazione dei territori delle due Comunità Montane, nella prima parte quella del Piambello, il passaggio in quelle località valceresine che recentemente hanno sancito il successo della Piccola Tre Valli Varesine e quella delle Valli Del Verbano con il transito nella Valcuvia, il luinese e il suggestivo passaggio da Cassano Valcuvia.. Una gara che quest’anno ritornerà nelle sue tre valli: Valceresio, Valcuvia e Valganna.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.