Un nuovo centro di accoglienza per il Parco Pineta

L’area protetta ha dato inizio alla riqualificazione della cascina di Castelnuovo Bozzente

Sicurezza, sostenibilità e flessibilità sono i presupposti alla base dell’intervento che il Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate sta realizzando presso la propria struttura di Castelnuovo Bozzente; il primo lotto funzionale di intervento prevede la demolizione della vecchia cascina e la realizzazione di locali tecnici.

La progettazione dell’intervento nasce da un’azione di screening non solo tra le figure chiave dell’Ente Parco ma anche dal coinvolgimento attivo dell’amministrazione comunale di Castelnuovo Bozzente. In seguito al finanziamento della Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio di Regione Lombardia, l’operazione che sta avendo sviluppo in questi mesi, prevede un primo lotto di intervento volto alla realizzazione di locali tecnici e strutture funzionali.

Attualmente è stata realizzata la prima fase di demolizione e si è in attesa delle verifiche della Provincia di Como, sulla possibilità di riutilizzare, macinandoli le componenti murarie abbattute. La conclusione dei lavori è prevista in autunno e o poi si aprirà un altro capitolo, compatibilmente alle risorse economiche in circolo, ovvero la progettazione dei nuovi spazi utili al Parco ed alla sua estesa cittadinanza.

Avete idee da proporre? scrivete alla mail: direttore@parcopineta.org

 

Nel rispetto della filosofia operativa che connota il parco sin dalla sua nascita, una struttura di un ente così vicino alla natura non può certo trascurare gli aspetti di sostenibilità costruttiva. Sin da questa prima fase operativa, tali presupposti trovano attenzione nella considerazione e sfruttamento delle risorse in loco; un primo tassello del progetto è il riutilizzo delle macerie derivanti dalla demolizione come materiale di sottofondo da utilizzare in cantiere o per sistemazioni stradali. La realizzazione dell’impianto fotovoltaico costituisce il primo germe di utilizzo di energie rinnovabili; l’inserimento dell’impianto sulla copertura della nuova tettoia, con l’accorgimento di orientarla e di posizionarla in modo corretto per il massimo sfruttamento dell’energia solare, ha evitato l’installazione di un campo solare maggiormente impattante.

 

Il Parco Pineta, nel proprio background progettuale, annovera da sempre interventi con particolare attenzione per la componente paesaggistica; la riqualificazione dell’area di Castelnuovo Bozzente non può che rispettare tale principio oltreché non prescindere dalla necessità di non precludere sviluppi futuri vista la presenza di fondi che garantiscono, per ora, solo la realizzazione del primo lotto in oggetto. Da ciò ne deriva un progetto di realizzazione che consiste in un incrocio fra principi progettuali ed esigenze reali che non si traducono in spazi e ambienti finiti, ma un disegno di insieme flessibile e che genera spazi flessibili alle idee, iniziative, esigenze che possono sopravvenire.

 

La scelta di intervento è stata sospinta dalla volontà di risolvere situazioni a rischio per la sicurezza di cittadini ed operatori; tale intenzione si concretizza nell’esecuzione di un marciapiede fino ad oggi assente, nella creazione di una uscita per automezzi su una strada laterale e non direttamente su strada provinciale, oltre allo stesso abbattimento della struttura che presentava sezioni potenzialmente pericolose perché logorate dal tempo e da fenomeni atmosferici.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.