Vietato sfamare i cigni durante gli Europei di canottaggio

Il provvedimento preso dal Comune di Varese su indicazione del comitato organizzatore. Il divieto scatterà il 1° settembre e terminerà il 20. Occhio alle multe

Niente più pane o grissini ai cigni della Schiranna. Il divieto, stabilito dal Comune di Varese, scatterà il primo di settembre e cesserà il 20. La motivazione? Semplice: i cigni potrebbero “disturbare” i campionati europei di canottaggio.
Il divieto fa parte, in realtà di un pacchetto molto più ampio (e serio) di provvedimenti presi per consentire il buon svolgimento della competizione. Non si tratta di quindi di una “guerra” ai cigni ma semplicemente di garantire che, quando la competizione prenderà il via, le spiagge del lungolago siano libere e pulite.
Alla polizia locale e alle guardie ecologiche è affidato il compito di vigilare che l’ordinanza sia rispettata: c’è da immaginare che non si userà il pugno di ferro con i “trasgressori” (in buona parte bambini che arrivano sul lago con grissini e pane secco) ma è comunque bene sapere che esiste anche la possibilità di prendere una multa salata: la sanzione varia da 25 a 500 euro. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 agosto 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.