Alptransit, le Ferrovie Svizzere: “Opportuno finanziare l’Italia”

In una nota le FFS ribadiscono che le potenzialità dell'infrastruttura dipendono dagli adeguamenti della rete ferroviaria anche del nostro paese

«Il potenziale di mercato delle nuove trasversali alpine potrà essere sfruttato pienamente solo se l’altezza delle tratte di accesso alle gallerie di base del San Gottardo e del Monte Ceneri sarà portato a 4 metri». La richiesta di adeguamento dell’infrastruttura ferroviaria, contenuta nell’accordo siglato ieri tra la Consigliera federale Doris Leuthard e il Ministro italiano Corrado Passera, trova il pieno consenso delle Ferrovie Svizzere. Con una nota diffusa oggi le FFS, lanciano un messaggio diretto anche all’Italia: «Il progetto del Consiglio federale per la costruzione e il finanziamento del corridoio di 4 metri invia anche un chiaro segnale ai Paesi vicini. Senza le estensioni previste in Germania e in Italia il corridoio 4 metri non potrà dispiegare la sua efficacia, tanto più che la maggiore richiesta nel traffico combinato che necessita dell’altezza di 4 metri si registra tra i porti del Mare del nord e la Lombardia. Affinché il corridoio di 4 metri possa essere realizzato per tempo, le FFS ritengono opportuna la possibilità del prefinanziamento delle estensioni dei profili nonché della realizzazione di capacità sufficienti per i terminali in Italia. Senza tuttavia ritardare i progetti ferroviari previsti in Svizzera». «Le FFS – si precisa infatti nella nota – auspicano che il finanziamento del corridoio di 4 metri non vada a scapito dei progetti FTP in corso (progetti d’infrastruttura dei trasporti pubblici, ndr). Gli investimenti nel corridoio di 4 metri saranno paganti nell’ottica dell’obiettivo del trasferimento del traffico dalla strada alla ferrovia della Confederazione solo se rimarrà stabile anche la situazione quadro a livello di regolamentazione. Regolamentazione di cui fanno parte tra l’altro il mantenimento e l’imposizione dei limiti di peso nonché il divieto di circolare di notte e di domenica».

Perché un corridoio di 4 metri?

La politica del trasferimento dalla strada alla ferrovia obbliga la Confederazione a ridurre il traffico merci stradale attraverso le Alpi. Per poter conseguire efficacemente il trasferimento lungo l’asse del San Gottardo sono necessari dei provvedimenti. Affinché la nuova trasversale ferroviaria (NFTA) possa essere sfruttata in misura ottimale lungo le vie d’accesso sia a nord che a sud delle gallerie di base del San Gottardo e del Monte Ceneri, si deve portare a 4 metri l’altezza d’angolo, estendendo i profili di spazio libero, delle gallerie, dei cavalcavia, dei ponti di segnali e delle tettoie dei marciapiedi nelle stazioni. Mentre l’asse Lötschberg-Sempione presenta già questo profilo, attualmentze lungo la tratta del San Gottardo si possono trasportare solo contenitori e semirimorchi con un’altezza d’angolo di 3,84 metri. Il Consiglio federale presenta quindi un progetto per la costruzione e per il finanziamento di un corridoio di 4 metri lungo gli accessi nord e sud alle gallerie di base del San Gottardo e del Monte Ceneri. Le due gallerie di base disporranno per contro fin dall’inizio del profilo di 4 metri.

Leggi anche – Ferrovie, la Svizzera ha fretta: "Pagheremo i lavori all’Italia"

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.