Camera di Commercio: oltre 13 milioni per sostenere le imprese

Approvato dal consiglio camerale il preventivo 2013. Tra gli interventi: supporto al credito, con a disposizione più di 2 milioni di euro, e gli interventi per innovazione e internazionalizzazione

È il primo bilancio del nuovo Consiglio Camerale, quello che ha espresso la Giunta guidata dal presidente Renato Scapolan (foto). Con l’approvazione da parte del “parlamentino dell’economia locale” del preventivo 2013, la Camera di Commercio potrà realizzare interventi, servizi e attività a favore del Sistema Varese per un valore di oltre 13 milioni confermando così la sua grande attenzione verso il mondo delle imprese e di tutti gli operatori economici del nostro territorio: «Ci troviamo ad affrontare un nuovo mandato e un nuovo anno in un momento di grande incertezza istituzionale e politica, ma soprattutto di difficoltà generalizzata a livello economico – sottolinea lo stesso presidente Scapolan –. Credo dunque che vada ancor di più apprezzato lo sforzo di una Camera di Commercio che si conferma “casa delle imprese e degli operatori” e mette a loro disposizione un cospicuo stanziamento di risorse. Quando si vivono momenti difficili, in una casa si fa ricorso a tutte le possibilità per aiutare nel migliore dei modi chi opera al suo interno. Ecco, approvando questo bilancio preventivo, vogliamo dare un segnale ben preciso alle imprese varesine, quelle di piccole e medie dimensioni allo stesso modo di quelle più grandi: devono sapere di poter sempre contare sulla Camera di Commercio».
Entrando nel dettaglio del preventivo approvato all’unanimità dal Consiglio Camerale, tra gli interventi economici e le attività istituzionali previsti per le imprese, la voce principale è quella relativa al credito, vera emergenza soprattutto per le pmi in questi anni che hanno fatto seguito all’esplosione della bolla finanziaria alla fine del 2008. La sola quota di risorse destinata ad agevolare l’accesso al credito, superiore ai 2 milioni di euro, dovrebbe infatti consentire a oltre 2.900 imprese di ottenere finanziamenti per un ammontare di investimenti pari a circa 33 milioni di euro.
Di non meno rilievo è l’attenzione verso l’innovazione e l’internazionalizzazione, temi cruciali per la competitività d’impresa. In entrambi i casi le risorse messe a disposizione nell’anno che sta per avviarsi saranno intorno a 1.300.000 euro. In particolare, sul versante dell’internazionalizzazione grazie a quest’impegno finanziario sarà possibile aiutare le imprese che vorranno partecipare a fiere e missioni all’estero (sono state circa 600 nel 2012), organizzare incontri d’affari e meeting economici oltre alle sempre frequentatissime iniziative di formazione: sono state 10 quest’anno con un totale di oltre 1.212 partecipanti. Appare poi rilevante il dato che durante il 2012 in ben 3.700 casi le imprese varesine abbiano ricevuto una risposta qualificata dagli sportelli camerali alle loro richieste sui diversi argomenti che riguardano l’attività svolta sui mercati del mondo intero. Il tutto ben veicolato dal sito web www.varesexport.it  che la Camera di Commercio dedica a questi argomenti: le visite registrate sono cresciute nel corso di quest’anno, raggiungendo finora quota 72.027 (+15% rispetto al 2011).
Tra le diverse attività rese possibili dall’approvazione del preventivo 2013, ci saranno il sostegno alle varie forme d’aggregazione d’impresa e alle produzioni tipiche nonché la continuità garantita a fiere di settore come AgriVarese, Artigianato Artistico e Borsa Immobiliare. Digitalizzazione, semplificazione, tutela del mercato e del consumatore sono altri filoni d’attività che caratterizzeranno l’anno. Un’attenzione particolare sarà poi riservata al rilascio della pec a oltre 37.000 imprese individuali che saranno obbligate a dotarsi della posta elettronica certificata entro il prossimo 30 giugno, così come ha previsto il Decreto Sviluppo approvato nei giorni scorsi.
«La discussione e il via libera a questo bilancio – conclude Scapolan – ci conducono direttamente verso un altro traguardo importante. Sto parlando dell’avvio, subito in apertura di nuovo anno, del percorso che in un trimestre ci porterà all’approvazione del bilancio pluriennale 2013-2017 nel quale potranno essere ridefinite e rimodulate le strategie di intervento della Camera di Commercio e conseguentemente le progettualità e i programmi, anche alla luce delle aspettative delle imprese e delle organizzazioni che le rappresentano».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.