Chat e telefonate ai domiciliari, torna in carcere il poliziotto corrotto

Luigi Cozzolino era stato condannato qualche settimana fa a oltre 4 anni ma era rimasto ai domiciliari. Scoperto a comunicare con l'esterno è stato nuovamente arrestato per violazione del divieto di comunicazione

Chattava e telefonava dagli arresti domiciliari, torna in carcere l’ispettore corrotto. Lo avevamo lasciato visibilmente pentito e con una condanna a 4 anni e 4 mesi di reclusione l’ex-ispettore della Polizia di Stato di Busto Arsizio, Luigi Cozzolino che chiedeva le mazzette agli immigrati per la regolarizzazione della loro posizione in Italia. All’ex-membro della Polizia era stato concesso di scontare la propria pena ai domiciliari ma la tentazione di comunicare con l’esterno non lo aveva mai abbandonato. Già durante l’udienza che lo ha visto condannare il pubblico ministero aveva fatto presente che il Cozzolino non era stato trovato in casa nel momento in cui i Carabinieri erano passati per il controllo giornaliero ma lui si era giustificato dicendo che in quel momento si trovava nelle pertinenze del suo garage per scaricare dei fiori, ordinati dalla moglie, da un camion. Questa volta, però, il magistrato Pasquale Addesso non ha avuto esitazioni e ha chiesto e ottenuto l’incarcerazione. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.