Come cucinare i piatti locali? Te lo dice una App

Una applicazione per smartphone faciliterà il lavoro a chi vuole cucinare correttamente i piatti della tradizione bustocca. E si tratta della prima applicazione di cucina locale ad avere il patrocinio di un comune, quello di Busto.

Come preparare la polenta? Come cucinare i bruscitt? E come farlo nel modo corretto? A queste domande risponde l’applicazione sviluppata da Loris Marini e presentata ieri sera al Museo del Tessile. «Volevo coniugare la passione per la cucina con il mio lavoro -spiega il giovane programmatore- notando una “mancanza” nel mondo delle applicazioni». Esistono infatti «una marea di ricette regionali ma nessuno aveva pensato a quelle locali» e proprio da qui è nata l’idea. «Volevo però che non fosse una goccia nel mare degli app store e che venisse presentata in un modo più tradizionale tale da coinvolgere il maggior numero di persone possibile» continua Loris Marini, spiegando che proprio per questo si è arrivati all’incontro con Ardito Borgo. «Loris si sarebbe occupato della parte tecnica e noi di quella burocratica» afferma Andrea Tomasini, segretario dell’associazione, rivendicando con orgoglio il fatto che «questa è l’unica applicazione di ricette locali ad aver ottenuto il patrocinio da parte di un comune (quello di Busto Arsizio, ndr.)».
L’applicazione che spiega anche la storia che sta dietro ad ogni piatto, può essere scaricata gratuitamente attraverso questo sito. Al momento è disponibile solo per Android ma nel giro di due settimane sarà inserita anche nell’App Store per tutti gli I-Phone e I-Pad. Ma si pensa già ad aggiornarla. Loris Marini vorrebbe infatti «che chi cucina una delle nostre ricette ci mandi le foto per poter poi realizzare delle gallerie per ognuna delle 15 pietanze che sono oggi inserite».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.