I sindaci incontrano la Fondazione Comi

Prime misure sulla razionalizzazione dei costi. Si attendono le osserva zio dei Comuni

Nell’ambito delle azioni coordinate da Comunità montana Valli del Verbano per tutelare e salvaguardare la Fondazione Mons. Comi di Luino, importante risorsa strategica per l’intero territorio dell’alto Verbano, sia sotto il profilo occupazionale che dei rilevanti servizi svolti a favore delle fasce deboli della popolazione, in data 17 dicembre u.s. si è tenuto presso la sede comunitaria di Cassano Valcuvia un incontro tra i Sindaci del territorio luinese ed il Commissario Straordinario della Fondazione Mons. Gerolamo Comi Onlus, Maurizio Pesenti.

Nell’incontro, che ha fatto seguito al tavolo di confronto del 3/12 u.s., ed al quale ha partecipato anche il Direttore Sociale dell’ASL di Varese dott. Lucas Maria Gutierrez, il Commissario Straordinario Pesenti ha presentato un documento contenente la declinazione di azioni da intraprendere per la salvaguardia della Fondazione, alcune già concordate ed in corso di attuazione, ed altre sottoposte al Collegio dei Sindaci per condivisione.

Dalla disamina e’ emerso che sono già stati conseguiti importanti risultati finalizzati alla riduzione dei costi gestionali mediante azione di razionalizzazione delle spese ed ottimizzazione delle entrate, purtroppo, però, non sufficienti a garantire la messa in sicurezza della Fondazione, e, conseguentemente, sono state proposte ulteriori misure straordinarie di intervento, comportanti una forte ricaduta economica sul personale impiegato nella Fondazione.

Ad esito della discussione, l’Assessore Dario Sgarbi, in rappresentanza del Comune di Luino, ha dichiarato di non essere in grado immediatamente in grado di esprimere un parere in merito alle proposte contenute nel documento, e si è riservato di esprimere la propria condivisione solo dopo ulteriori approfondite valutazioni, così come il Sindaco di Dumenza Corrado Moro ha chiesto di poter valutare le proposte presentate con la propria Giunta.

La riunione si quindi chiusa con l’accordo che i Comuni procedano ad inviare eventuali osservazioni al documento entro il termine ultimo di mercoledì 19/12 al fine di consentire al Commissario Pesenti di convocare con urgenza le parti interessate per la presentazione delle proposte di salvaguardia e risanamento della Fondazione Mons. Comi.

In conclusione il Presidente di Comunità montana Marco Magrini ha dichiarato: “Desidero ringraziare il Commissario Straordinario Maurizio Pesenti che con grande senso di responsabilità e sensibilità istituzionale, pur non essendovi tenuto, ha deciso di concertare con i Sindaci del territorio e con l’ASL le misure da intraprendere per garantire un futuro alla Fondazione Mons. Comi; ringrazio i Sindaci per la disponibilità dimostrata a collaborare in modo sinergico, ed auspico che tutte le componenti sociali partecipino con senso di responsabilità alla migliore riuscita del difficile percorso di risanamento della Fondazione. Sono altresì certo che nessuno pensi di strumentalizzare la grave situazione per interessi politici o di parte, e desidero, infine, chiarire che eventuali responsabilità amministrative o, peggio, penali, nella causazione della grave situazione economico-finanziaria in cui versa la Fondazione Mons. Comi, saranno senza indugio segnalate alle autorità competenti e perseguite nei termini di legge”. “

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.