Il Natale dei ragazzi della scuola Fermi

Nello scorso fine settimana molte le iniziative organizzate dai giovani studenti del paese, tra concerti e rappresentazioni molto partecipate

Bella l’atmosfera che si è creata sabato 15 presso il teatro parrocchiale di Venegono Inferiore dove è andato in scena il saggio di Natale della scuola media “E. Fermi”. Sul palco, finemente addobbato, si sono alternati tutti gli allievi di 1°, 2° e 3° media a cui hanno fatto da corona nonni, genitori, fratelli, amici e parenti.

Sotto la magistrale direzione della loro professoressa di musica, Milena Terlizzi, i ragazzi hanno proposto con disinvoltura brani natalizi classici, sia cantati sia strumentali,  e altre piacevoli proposte musicali di grande impatto  emotivo come “Domani” e “Stand by Me”. Una mattinata di musica, cultura e allegria su uno sfondo teatrale tecnologico in grande movimento, grazie a immagini gigantesche che scorrevano dietro ai piccoli artisti e che accompagnavano a tema ogni brano proposto. Una performance qualitativamente alta, nel solco di tutto ciò che la scuola media Fermi da tempo riesce a proporre, grazie alla generosità di studenti, insegnanti e genitori.  Belle anche le esecuzioni soliste, prima tra tutte quella di Isabella Longhin che con la sua voce intensa ha incantato l’intero pubblico e bravi tutti coloro che si sono esibiti in assoli musicali di batteria (Philippe Agbozo), di chitarra (Sara Levantaci, Matteo Abate)  e di pianola (Isabella Molteni, Francesca Spinello, Beatrice Vaccaro).

 

Sabato scorso, a Venegono Inferiore il Natale aveva già fatto sentire i suoi campanelli a partire dalle nove del mattino al Palazzetto dello Sport con il recital “Sognando il Natale”, cantato e recitato dagli alunni della Scuola Elementare “Manzoni”. Entrando nella struttura il colpo d’occhio era bellissimo: angioletti, cometa, luna, sole, stelline, stelle cadenti, messicani in sombrero e tanti allegri bambini ben allineati e composti davanti alle loro maestre. Piccoli bravi cantori e musicisti che hanno davvero riempito di dolcezza la folta platea di genitori. Tutto il firmamento era rappresentato per far sognare il piccolo Miguel, bambino povero del Messico che viene portato in cielo in un viaggio immaginario ricco di canzoni ben interpretate e che culmina con il bambino davanti al presepe vivente, dove un piccolo Gesù nasce per portare pace agli uomini di tutto il mondo. Alcuni brani sono stati di grande effetto: Le Stelle dell’Orsa”, “Allelujah Merry Christmas” e la commovente “Bright Stars in Bethlehem. Un augurio musicale e tante piccole emozioni che i bambini delle elementari e le loro brave insegnanti hanno voluto regalare ai presenti  in una gioiosa coralità. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.