La biblioteca universitaria cresce e guarda a Roma e Firenze

La convenzione riguarda il deposito legale obbligatorio delle tesi di dottorato per via telematica

Nuovi progetti e altri da consolidare per la Biblioteca “Mario Rostoni” della LIUC – Università Cattaneo, che si afferma sempre di più come una realtà di spicco a livello nazionale ma anche internazionale, sia nell’ambito dei servizi agli utenti che sul versante accademico e scientifico.
Tra le ultime novità, l’attivazione di una convenzione tra l’Università e le Biblioteche Nazionali Centrali di Firenze e Roma, un punto di riferimento per il settore bibliotecario sia da un punto di vista storico che da quello della gestione del patrimonio librario nazionale. 
La convenzione riguarda il deposito legale obbligatorio delle tesi di dottorato per via telematica: in base all’accordo, tutte le tesi di dottorato realizzate da dottorandi della LIUC – Università Cattaneo vengono inviate in modo automatico ad entrambe le biblioteche tramite il sistema harvesting online senza più alcun transito di carta o supporti fisici.
A questo scopo la Biblioteca LIUC ha realizzato la propria banca delle tesi di dottorato (http://mylibrary.liuc.it/dspace/) utilizzando il software open source, DSpace, diffuso in moltissime università di tutto il mondo.
Una componente, quella “tecnologica” che la Biblioteca LIUC sta implementando sempre di più anche nell’attività di “editore” dello “European journal of comparative economics”. 
Si tratta di una rivista internazionale curata dall’Associazione Europea di Economia Comparata che raccoglie contributi inediti di autori provenienti da 20 paesi in tutto il mondo.
Del Comitato Scientifico ed editoriale fa parte anche il prof. Rodolfo Helg, Direttore della Scuola di Economia e Management della LIUC.
Tra i temi trattati, la crisi del debito sovrano, la comparazione tra sistemi economici, ma anche argomenti riconducibili all’econometria, alla microeconomia, all’economia del benessere.
Una partnership, quella con la LIUC, che dura da 9 anni, e che quest’anno sarà implementata con l’utilizzo di uno specifico software, ovvero OJS (Open Journal Sistem).
La rivista è gestita interamente online dallo staff della Biblioteca LIUC ed indicizzata nelle principali banche dati di area Economics. 
Per consultarla, è sufficiente visitare la sezione del sito LIUC (www.liuc.it) dedicata alla Biblioteca. La fruizione è totalmente gratuita.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.