Lavoro nero fra gli stand della fiera, quattro attività sospese

A scoprirlo i Carabinieri del Nucleo Fiera e il personale dell’ispettorato del lavoro. Le irregolarità concentrate nelle attività di ristorazione

Lavoro nero e irregolare fra gli stand della più famosa delle fiere milanese, ovvero quella dell’Artigianato. A scoprirlo i Carabinieri del Nucleo Fiera e il personale dell’ispettorato del lavoro che hanno eseguito in questi giorni, in occasione della manifestazione presso il polo fieristico di Rho-Pero, una serie di controlli per contrastare il fenomeno del lavoro sommerso.
Nel corso dell’operazione sono stati eseguiti quindici controlli a campione, in particolare negli stand di ristorazione. Qui è stato è rilevato il più alto tasso di lavoratori in nero. Su un totale di 170 lavoratori verificati, 60 sono stati trovati irregolari, in particolare negli stand gestiti da ristoratori stranieri: in un ristorante tailandese su 17 lavoratori, tutti e 17 erano in nero; in un ristorante indiano su 12 lavoratori, 9 erano in nero; in uno turco su 14, 6 in nero. Il fenomeno è stato riscontrato anche in attività italiane, ma con minore incidenza. Quattro attività sono state sospese e sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di quasi 130mila euro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.