Merce contraffatta, sequestrati più di 500 capi

Nei guai un negoziante di Buguggiate che si riforniva in nero dei prodotti tarocchi

finanza contraffazione fotoUn controllo per verificare la provenienza di capi firmati a Buguggiate ha permesso alal Guardia di finanza di risalire ad un magazzino in zona Bovisasca a Milano. Nei guai due persone: un cittadino italiano dell’attività di Buguggiate e un cittadino marocchino del deposito milanese.
Nello specifico, i militari hanno trovato giacconi, scarpe, borse e cinture stivati in un appartamento e in un garage nel quartiere della periferia nord del capoluogo lombardo
Si tratta di decine di giacconi Moncler e Peuterey, abiti, scarpe e borse, tutte di marchi pregiati: Hogan, Nike, Louis Vuitton, JustCavalli. In realtà, nessuno dei 520 capi sequestrati dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Varese, era originale: quello scoperto dai finanzieri, infatti, è un vero e proprio magazzino di merce contraffatta che riforniva, tra gli altri, il negozio di abbigliamento di Buguggiate (VA).
Il sequestro, il cui valore è di diverse migliaia di euro, è scaturito da un controllo effettuato in
un negozio di abbigliamento di Buguggiate, ove venivano commercializzate note griffe; dal
controllo della documentazione contabile è emersa l’assenza di fatture comprovanti l’acquisto
dei capi di abbigliamento rinvenuti che ha portato gli investigatori ad esaminare ciascun
prodotto firmato, rilevando per caratteristiche e materiale utilizzato, la non genuinità degli
stessi.
Dagli approfondimenti svolti i militari risalivano al possibile luogo di provenienza dei capi
contraffatti, individuandolo in un magazzino semi interrato della periferia di Milano, al cui
interno venivano rinvenuti 470 dei 520 prodotti contraffatti complessivamente posti sotto
sequestro.
Il magazzino, gestito da un cittadino marocchino, era sicuramente utilizzato per rifornire
abitualmente alcuni ambulanti e negozi che poi vendevano la loro merce nei mercati
dell’hinterland milanese e in esercizi commerciali nelle province limitrofe.
Il cittadino italiano individuato all’interno del negozio di Buguggiate, noto alle forze dell’ordine per diversi precedenti specifici, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria di Varese per aver detenuto, per porli in vendita, prodotti contraffatti.
Il cittadino marocchino, per analoga fattispecie delittuosa, è stato segnalato all’Autorità
Giudiziaria di Monza.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.