Morto Febo Conti, un pezzo della televisione migliore

Per la televisione italiana il conduttore ha rappresentato un pezzo di storia che praticamente ormai non c’è più: la televisione dedicata ai ragazzi. Suo "Chissà chi lo sa"

febo contiE’ morto ieri, 16 dicembre 2012, all’ospedale di Desenzano del Garda, un pezzo della televisione italiana migliore: Febo Conti. Per la televisione italiana il conduttore ha rappresentato un pezzo di storia che praticamente ormai non c’è più: la televisione dedicata ai ragazzi.

Negli anni sessanta e settanta, infatti, l’attenzione ai più giovani in Rai era altissima, e “Chissà chi lo sa?”, il quiz del sabato pomeriggio che lui condusse dal 1961 per undici anni, non aveva nulla da invidiare in proporzione a “Rischiatutto”, o ai varietà del sabato sera: univa infatti una gara culturale tra classi alla partecipazione di ospiti importanti anche “per i grandi”.

Conti, conduttore non solo televisivo ma anche radiofonico, fu anche voce della Rsi: condusse per decenni, a partire dal 1959, con Flavia Soleri e Luigi Faloppa "La costa dei barbari, guida pratica e scherzosa per gli utenti della lingua italiana". Conti, che il giorno di Natale avrebbe compiuto 86 anni, aveva cominciato la carriera radiofonica nel 1945.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 dicembre 2012
Leggi i commenti

Video

Morto Febo Conti, un pezzo della televisione migliore 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.