Nuova palestra, tre proposte per l’intitolazione

Le minoranze indicano il calciatore Parola o don Gianni Brambilla. Nomi che piacciono anche al sindaco che aggiunge la famiglia Bassani come possibile opzione

L’anno nuovo porterà in dote, a Laveno Mombello, un’opera pubblica attesa da tempo: la nuova palestra comunale in zona Verbano. L’inaugurazione dell’impianto sportivo è stata fissata per il prossimo 9 gennaio e l’evento, per una volta, potrebbe mettere d’accordo sia la maggioranza sia l’opposizione che anche di recente si sono scontrate sul mercato natalizio e sul PGT.
È infatti di oggi l’ufficializzazione di una doppia proposta, proveniente dai gruppi di minoranza consiliare ("Centrosinistra" e "Laveno Mombello Cerro") firmata da Ercole Ielmini e Alvaro Reggiori per l’intitolazione della palestra. I nominativi indicati sono quelli del calciatore lavenese Domenico Parola (nella foto – una bella carriera tra Legnano, Spal in serie A, Pisa e Perugia con tanto di maglia azzurra under 21) o, in alternativa, di don Gianni Brambilla, sacerdote scomparso pochi mesi fa a Varese, che a Laveno ha lasciato un grande ricordo come animatore in campo sportivo e culturale.
Un doppio assist raccolto anche dal sindaco Graziella Giacon: «I due nomi proposti sono indubbiamente molto interessanti e su entrambi non ho nulla da eccepire. A Parola è stato già intitolato il campo sportivo, quindi dovremo valutare se prendere in considerazione la dedica alla palestra ma ciò non intacca il profilo di un atleta simile mentre anche per don Gianni l’idea è decisamente valida. Da parte nostra c’era un’ulteriore proposta: quella di intitolare l’impianto alla famiglia Bassani che, pur non essendosi impegnata direttamente nello sport, è sempre stata una grande benefattrice per la nostra comunità. Metteremo sul tavolo anche questo nome, ma credo che in ogni caso si possa fare una scelta di indiscusso valore».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.