Oh bej oh bej, 400 bancarelle per godersi il Natale

Dal lontano 1510 si rinnova il tradizionale appuntamento dal sapore meneghino. Fino al 9 dicembre dalle 8.30 alle 21

ohbej fotoOh Bej! Oh Bej! A Milano vuol dire qualcosa di davvero bello, un’esclamazione, che per tutti è sinonimo di Natale. Bene, questo appuntamento, che vede la festa in un quartiere della città per diversi giorni, si rinnova dal lontano 1510. Anche quest’anno a ospitare i 399 espositori del più tradizionale degli appuntamenti della settimana di Sant’Ambrogio, sarà il perimetro del Castello Sforzesco nel tratto compreso tra viale Gadio e piazza Castello.

L’edizione di quest’anno si pone in continuità con il percorso di riqualificazione avviato l’anno scorso: abbiamo infatti voluto realizzare una fiera capace di rappresentare un fiore all’occhiello della nostra città – sia per tipologia delle merci esposte, sia per la qualità nel pieno rispetto della storia e della tradizione degli Oh Bej! Oh Bej! – riportando tra le sue fila molti artigiani, rigattieri, artisti del rame e dell’ottone che nel tempo si erano allontanati ma che qui trovano la loro collocazione più suggestiva”, ha detto l’assessore al Commercio, Attività produttive, Turismo, Marketing territoriale Franco D’Alfonso. “Come lo scorso anno – conclude l’assessore – abbiamo potenziato l’impegno dell’Amministrazione per garantire ai cittadini e agli stessi commercianti una fiera lontana da ogni forma di abusivismo e di commercio illecito”.
La Polizia locale controllerà il perimetro dell’area per prevenire l’ingresso di venditori non autorizzati. Dal 6 al 9 dicembre, durante gli Oh Bej! Oh Bej!, saranno impegnati ogni giorno 433 agenti e 21 ufficiali. ohbej foto

Negli oltre 25.000 mq di area fieristica diverse le novità proposte per questa edizione degli Oh Bej! Oh Bej! che nasce all’insegna della qualità dei prodotti, della più autentica tradizione milanese e nel pieno rispetto dell’ambiente.

Sono infatti 399 gli espositori presenti su oltre 885 domande di partecipazione pervenute. Rigorosi anche quest’anno i criteri di selezione per garantire al pubblico di ritrovare le autentiche atmosfere e i generi merceologici più rappresentativi della storica fiera. Il 70% degli operatori presenti, infatti, è costituito da 58 rigattieri, 22 fioristi, 30 artigiani, 60 mestieranti, 22 venditori di stampe e libri, 8 artisti del ferro battuto, rame e ottone, 18 giocattolai, 23 rivenditori di dolci, oltre a 10 venditori di caldarroste e 10 di “Firunatt”, le tipiche castagne infilate affumicate, e 4 produttori di miele e affini.

Anche quest’anno l’Amministrazione ha previsto altre 70 postazioni di vendita presso il cavalcavia Bussa, che collega la stazione di Porta Garibaldi con il quartiere Isola. Qui, infatti, trova sede la fiera “Alter Bej!” realizzata dagli operatori dall’Associazione “Altrimenti”, che esporranno auto-produzioni artigianali, pezzi unici e di seconda mano oltre a creazioni artistiche, il tutto accompagnato dalle esibizioni di musicisti, giocolieri e artisti di strada.
Gli orari della fiera degli Oh Bej! Oh Bej! sono dalle ore 8:30 alle ore 21:00.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.