Primaria del PD: scelti i sei candidati

In vista delle elezioni politiche di febbraio, il Partito Democratico presenterà agli elettori le sue proposte. Le primarie si svolgeranno sabato 29 dicembre

 E dopo i magnifici 5 per l’elezione del candidato premier, i fantastici tre, alla presidenza della Regione, ecco arrivare i "super sei", i candidati alle primarie per Camera e Senato. 
Sabato prossimo 29 dicembre, i cittadini saranno chiamati a indicare chi vorrebbero vedere nelle liste elettorali delle prossime politiche nel partito Democratico. Il territorio di Varese ha due onorevoli uscenti: il deputato Daniele Marantelli e il senatore Paolo Rossi.
E saranno proprio loro, due dei tre candidati maschili che si sottopongono al giudizio popolare. Insieme ci sarà anche Angelo Senaldi, l’attuale vicesindaco di Gallarate. 
Come vuole il regolamento nazionale, tre candidature ci saranno anche per l’universo femminile. A cercare un consenso saranno Erica D’Adda, segretaria a Busto e responsabile provinciale enti locali del PD, Maria Chiara Gadda, consigliere a Fagnano Olona e Sara Battistini in consiglio comunale a Saronno. In ogni scheda potranno essere espresse due preferenze: una per il candidato maschile e una per quello femminile. In caso fossero segnate due preferenze per lo stesso genere ( tutte e due uomini o tutte e due donne) la seconda non verrà considerata. 

L’individuazione dei sei candidati è avvenuta nel pomeriggio di oggi, sabato 22 dicembre, nel corso di una riunione della direzione provinciale che, in poco meno di due ore, ha deliberato la lista. Soddisfatta la presidente della direzione Laura Prati: « Tutto si è svolto in un clima di grande entusiasmo. Abbiamo discusso della situazione nazionale e poi di quella locale. Siamo contenti di aver ottenuto la lista con parità di candidati tra uomo e donna, come chiedevano le regole nazionali. Le donne sono, abitualmente, più refrattarie ad accettare di buttarsi nella mischia. È un grande risultato, così come è un grande risultato riportare per la quarta volta i cittadini al voto: un esercizio di democrazia che ci voleva vista la grande diffidenza e disaffezione che c’è per la politica».

Scelti i candidati, il PD pensa ora a far ripartire la macchina dei seggi dove si può votare. Saranno, più o meno, gli stessi aperti per le consultazioni relative alla Regione Lombardia. La macchina è appena partita, a breve saranno individuati i punti dove si potrà partecipare a questa fase preparatoria. La provincia di Varese spera di poter veder accolte tre delle sue candidature: « Dipende dalla percentuale di voti che vengono espressi in ogni territorio. Quindi ci speriamo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.