Pro al lavoro per il Bassano ma Correa non ci sarà

Dopo la vittoria di Bellaria, i tigrotti affronteranno (domenica 9 allo "Speroni") i veneti. L'argentino, ex molto atteso, non giocherà perché squalificato

Dopo la vittoria all’ultimo minuto in casa del Bellaria, la Pro Patria è tornata al lavoro per preparare la gara di domenica 9 dicembre che la vedrà impegnata allo “Speroni” contro il Bassano. Quella contro i romagnoli è stata una partita che ha dato diversi spunti a mister Aldo Firicano su cui riflettere, la maggior parte dei quali positivi. Innanzitutto per la prima volta in stagione la porta biancoblu è rimasta imbattuta, grazie alla crescente forma del portierino Andrea Sala, ma anche a meccanismi difensivi che stanno iniziando a girare come devono. Il secondo aspetto è la bontà delle riserve, se così si possono chiamare; anche quando i "tre tenori" non sono in giornata di grazia, mister Firicano sa di poter estrarre un coniglio dal cilindro, pronto a fare la sua parte. 
 
Quella contro il Bassano Virtus non sarà una sfida semplice: i veneti vantano una rosa di tutto rispetto, che rispecchia le ambizioni della società. I giallorossi sono retrocessi lo scorso anno dalla Prima Divisione e in estate hanno messo in piedi una squadra che ha tutte le carte in regola per entrare nel giro promozione. Fino a ora però i risultati sono stati abbastanza altalenanti, anche se la squadra di Rastelli è quinta in classifica a quota 24 punti, cinque in meno dei tigrotti. 
 
Nella rosa dei veneti c’è Lucas Correa, il numero dieci della Pro Patria che sotto la guida di Franco Lerda arrivò alla finale playoff per la serie B, persa nell’atto finale in casa contro il Padova. Una gara che ancora adesso lascia molti sospetti ai tifosi biancoblu per come andarono le cose. La Pro, dopo il pari 0-0 nella gara di andata dello stadio “Euganeo”, giocava davanti a quasi 4000 cuori festanti e con l’uomo in più per l’espulsione di Di Venanzio. La storia racconta però di una doppietta di Di Nardo che lasciò l’amaro in bocca a tutta Busto Arsizio. Lucas Correa (foto a lato) fu uno dei più criticati per quella gara, giocata decisamente sottotono. Il centrocampista argentino – che poi disputò anche metà stagione in B con il Varese - domenica non ci sarà perché ammonito contro il Savona e squalificato dal giudice sportivo. I più maliziosi pensano si sia "guadagnato" apposta il cartellino giallo per evitare di trovarsi di fronte un passato scomodo; sta di fatto che l’ex più atteso non sarà un protagonista della gara dello "Speroni" insieme ad altri due compagni fermati dal giudice sportivo: i difensori Matteo Bertoli e Dario Toninelli, altro ex varesino con la Primavera di Mangia.

Seconda DivisioneLa situazione del girone A

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.