Rifiuti: è arrivato il momento dei bollini verdi

Sono quelli che Aspem, d’ora in poi, applicherà ai cittadini virtuosi come “ringraziamento” per la corretta suddivisione dei materiali nella raccolta. I primi consegnati in questi giorni

Nella campagna Aspem di sensibilizzazione alla raccolta differenziata è arrivato il momento dei bollini verdi: sono quelli che l’azienda, d’ora in poi, applicherà ai cittadini virtuosi come “ringraziamento” per la corretta suddivisione dei materiali nella raccolta.

I primi sono stati applicati per la prima volta con “il giro” di stamattina, si troveranno nei sacchi vuoti che Aspem eroga dopo il ritiro, sono destinati ai condomini e alle realtà che differenziano correttamente e arrivano a poche ore dall’elogio dell’assessorato all’ambiente della Provincia sullo sforzo compiuto dai cittadini varesini per “mettersi al passo” con il resto della provincia.

«Dopo i bollini gialli, che avvertivano della non corretta differenziazione, e i bollini rossi che “permettono” le sanzioni per chi insiste a sbagliarsi, ora abbiamo deciso di applicare i bollini verdi che sono quelli che “attestano” la bontà della differenziazione per le realtà più virtuose» spiega William Malnati, presidente di Aspem.  

Lo sforzo dei varesini ha portato all’aumento di dieci punti percentuali in un solo anno: dal 49%la raccolta differenziata è arrivata quasi  al 60%. Probabilmente però questo non riuscirà a farla arrivare all’impossibile traguardo del 65% entro il 2012, come le norme auspicano. «Avremo bisogno di ulteriori sforzi comunicativi per incrementare ulteriormente – spiega Malnati – E dovremo tutti lavorare di più per certi punti della città che faticano ad abituarsi alla raccolta differenziata, soprattutto in centro»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.