Rimborsi ai gruppi politici, indagati 40 consiglieri regionali

La notizia anticipata da Repubblica. Si tratterebbe di esponenti di Pdl e Lega Nord per spese fatte al di fuori dell'attività politica. Coinvolti anche Minetti e Bossi

Sarebbero una quarantina i consiglieri regionali della Lombardia indagati nell’ambito di un’inchiesta della procura di Milano sull’utilizzo dei rimborsi dei gruppi consiliari. Secondo le prima informazioni apparse sulla stampa e in particolare su Repubblica, si tratterebbe di consiglieri di Pdl e Lega Nord. L’indagine è coordinata dal procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo e condotta dalla Gdf milanese.
Nell’inchiesta sarebbero indagati i capigruppo in Regione Lombardia del Pdl e della Lega Nord, Paolo Valentini e Stefano Galli. In particolare l’indagine riguarderebbe spese fatte al di fuori dell’attività politica con soldi pubblici. Tra gli oggetti acquistati con soldi pubblici, finiti sotto la lente della Procura di Milano, ci sarebbero anche munizioni da caccia per 750 euro che sarebbero stati acquistate da un consigliere lombardo leghista.
Nelle indagini sarebbero coinvolti anche i due consiglieri regionali più giovani al Pirellone, ovvero Nicole Minetti e Renzo Bossi, dimissionario mesi fa dopo gli scandali interni alla Lega che avevano travolto lui e la sua famiglia. Minetti avrebbe presentato rimborsi per consumazioni in un hotel di lusso per centinaia di euro. 
Le indagini che hanno portato agli sviluppi di oggi sarebbero partite dalle inchieste legate alle vicende del leghista Davide Boni e del piediellino Franco Nicoli Cristiani.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.