Sconti di pena per la mafia bustocca

Il processo di secondo grado si è concluso con una diminuzione generalizzata delle pene per i sei appartenenti al clan Rinzivillo-Emanuello accusati di estorsioni ed usura ai danni di decine di imprenditori

Pene ridotte in secondo grado per gli appartenenti ai clan gelesi Rinzivillo-Emanuello arrestati nel 2010 nell’ambito dell’operazione Fire Off sulle estorsioni e l’usura messe a segno dagli esponenti della cosca, portata a termine dalle Dda di Milano e Caltanissetta con la Squadra Mobile di Varese e il commissariato di Busto Arsizio. Il monte pena, dopo la lettura della sentenza avvenuta martedì, si è ridotto di 20 anni complessivi rispetto agli oltre 70 anni di carcere comminati in primo grado. Scende da 20 a 16 anni e 8 mesi la pena da scontare per Fabio Nicastro, uno dei capi della cosca bustocca oggi pentito, e scende di un ulteriore anno la pena inflitta al primo pentito della cosca  Rosario Vizzini (da 10 a 9 anni). Sconti di pena anche per Emanuele Italiano (da 8 a 7 anni) e Dario Nicastro (da 12 a 6 anni e 4 mesi), ad Emanuele Napolitano sono stati tolti due anni (da 12 a 10 anni) e a Rosario Bonvissuto maxi-sconto di pena da 10 a 3 anni. Il pm aveva chiesto la conferma delle condanne di primo grado. Martedì 11 dicembre tornerà in aula Emanuele Italiano per l’omicidio di Salvatore D’Aleo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.