Sequestro e violenza sessuale, resta in carcere il 38enne

L'uomo era stato fermato dai Carabinieri in un bar di Borsano dove aveva segregato la convivente. Le ulteriori indagini dei militari hanno portato alla luce anche un sequestro, condito da violenze, durato 4 giorni

L’uomo arrestato con le accuse di sequestro di persona, lesioni e violenza sessuale nei confronti della propria compagna ha una lunga storia di soprusi alle spalle. L’arrivo a sirene spiegate da parte dei Carabinieri, la notte del 23 dicembre scorso, nel bar della donna a Borsano appare oggi ancor più provvidenziale e la decisione del giudice per le indagini preliminari di confermare la misura di custodia cautelare in carcere ha una ragione d’essere in più. 

I Carabinieri della Stazione di Busto Arsizio, infatti, hanno concluso un’attività d’indagine condotta ad ampio raggio, ricostruendo il recente passato della coppia protagonista della nota vicenda, hanno scoperto che le violenze subite dalla donna andavano avanti almeno da maggio e che in un caso il 38enne di Cuggiono l’ha sequestrata per 4 giorni, impedendole di uscire di casa. Dopo numerosi accertamenti, consistenti nell’analisi dei dati personali e in ricostruzioni testimoniali della dinamica di coppia, i militari hanno scoperto che nel periodo che va da maggio 2012 sino alla notte dell’arresto, l’uomo avrebbe messo in atto svariate violenze ai danni della convivente, causandole numerose lesioni personali. A questo punto i Carabinieri hanno denunciato lo stalker anche per gli ulteriori reati di maltrattamenti in famiglia e sequestro  di persona.

Si infrange contro queste nuove accuse, dunque, la tesi propugnata davanti al giudice dall’uomo che aveva descritto come "normali e reciproche" le violenze attuate nei confronti della donna. Secondo quanto riferisce anche il legale del 38enne, l’avvocato Roberto Lassini, «i due sarebbero soliti litigare violentemente per poi riappacificarsi anche attraverso atti sessuali estremi». Una tesi che non ha convinto il tribunale e che le nuove indagini dei Carabinieri di Busto avrebbero definitivamente smontato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.