Studenti in corteo, tra treni bloccati e tensioni con la polizia

Un'altra manifestazione con 500 ragazzi che sono scesi di nuovo in piazza per contestare i tagli alla scuola. Bloccata la stazione per un un'ora, attimi di tensione con la polizia, mentre un giovane è stato portato in caserma

Un corte studentesco teso, tra cori e tensione con la polizia e i carabinieri. È accaduto a Saronno mercoledì mattina 5 dicembre (la diretta della giornata), quando dalle 8 è partito il corteo di protesta contro la riforma della scuola promosso dal Collettivo Anopticon. A differenza dello scorso 31 ottobre, quando paretciparo oltre 2.500 studenti, mercoledì mattina si sono ritrovati in piazza santuario 500 ragazzi provenienti da diverse suole superiori della città. Ad attenderli per "scortarli" anche decine di carabinieri e agenti della polizia

Il corteo, tra cori contro la riforma della scuola e a favore dell’autogestione, si è mosso intorno alle 9 da piazza Santuario, dirigendosi da subito alla stazione Ferroviaria di piazza Cadorna, dove i ragazzi hanno prima manifestato l’intenzione di salire sul treno e andare alla manifestazione di Milano, poi hanno deciso di fermarsi. In queto frangente si sono verificati gli scontri con la polizia. Gli agenti, in assetto antisommossa, hanno impedito ad alcuni ragazzi di andare sui binari, cercando di evitare che venisse occupata la stazione. Nel frattempo, tra le 9.20 e le 10.30 Ferrovie Nord ha bloccato i treni in ingresso nella stazione
La tensione è rimasta alle stelle per tutto il tempo, fino a quando i ragazzi rimasti, circa un centinaio, hanno ripreso il corteo: prima occupando per dieci minuti la rotonda tra via Varese e via Novara, poi arrivando davanti all’Itc Zappa. 

Intorno alle 11 il corteo è tornato in piazza Santuario, da dove era partito. Sembrava tornasse tutto alla normalità, ma è proprio qui che ci sono stati nuovi momenti di tensione con le forze dell’ordine: un giovane minorenne è stato portato in casema per accertamenti. Per solidarietà i ragazzi rimasti hanno deciso di presidiare la caserma di Saronno, in attesa che il giovane venga rilasciato. Il rilancio avviene nelle prime ore nel pomeriggio e termina la lunga giornata di manifestazione.  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.