Switch on per i tre impianti fotovoltaici

A fine novembre sono entrati in funzione le strutture montate al palazzetto di via Gasparotto, alla scuola Galbani e alla scuola Sabin. Si stima un risparmio del 50 per cento

L’accensione è stata fatta alla fine di novembre, ma oggi, venerdì 21 dicembre, il sindaco Samuele Astuti e l’assessore Giuseppe Riggi hanno spiegato il funzionamento dei tre nuovi impianti fotovoltaici installati sul territorio, spiegandone i vantaggi, anche sotto il profilo economico.

Questi tre impianti sono stati posizionati al palazzetto dello sport di via Gasparotto, alla scuola “Galbani” e alla scuola “Sabin”. 
Il sindaco Astuti ha spiegato i perché di questa scelta e anticipa quali sono le intenzioni dell’amministrazione: «Come da programma elettorale stiamo lavorando per aprire le porte alle energie rinnovabili. Con questo passo abbiamo preso in considerazione l’aumento della produzione di energia tramite forti rinnovabili e questi tre impianti ci permetteranno di produrre 130000 megawatt ora annui, circa il fabbisogno per oltre quaranta famiglie. Il nostro obiettivo non si conclude con questo lavoro, ma cercheremo di allargare il discorso al conto termico.
L’assessore Riggi ha spiegato il tipo di patto stipulato con l’azienda di produzione, la Eas di Solbiate Arno, e ha sottolineato i risultati positivi derivanti dalle serate di informazione proposte nei mesi scorsi: «La Eas ha installato gratuitamente i pannelli e ne curerà la mnutenzione gratuitamente per i prossimi 20 anni, poi il comune potrà decidere se riscattare l’impianto a un euro o smantellarlo. Per questo periodo, però, alla ditta installatrice andrà il 50 per cento della produzione, mentre l’altra metà andrà a noi. Questo ci permetterà un risparmio di 12000  euro all’anno, circa il 50 per cento, anche perché non dovremmo pagare le relative accise. Sono contento che le serate di sensibilizzazione sul tema abbiamo riscosso successo. All’inizio del nostro mandato a Malnate erano presenti appena 55 strutture fotovoltaiche, mentre ora, grazie anche al gruppo d’acquisto curato in collaborazione con Legambiente, sono praticamente raddoppiate. Il lavoro sul fotovoltaico da parte dell’amministrazione potrebbe concludersi in questo modo, mentre su altre strutture comunali stiamo valutando il conto termico, ma come per questo accordo, stiamo cercando le soluzioni e i partner giusti per metterlo in pratica».
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.