Trenord chiede scusa, si dimette l’Amministratore Delegato

Giuseppe Biesuz, arrestato ieri dalla Guardia di Finanza per una vicenda che non tocca Trenord, ha presentato le dimissioni. L'azienda avvia un'indagine interna

L’amministratore delegato di Trenord Giuseppe Biesuz si è dimesso, nel mezzo del grande caos che sta travolgendo il sistema ferroviario lombardo. E Trenord presenta le sue scuse e annuncia una indagine interna. "Il consiglio di amministrazione di Trenord, riunitosi questa mattina nella sede della società di piazzale Cadorna a Milano, ha preso atto delle dimissioni dell’amministratore delegato di Trenord, Giuseppe Biesuz" si legge nella nota ufficiale inviata dall’azienda. Biesuz è stato arrestato ieri, martedì 11 dicembre, per una vicenda che non riguarda Trenord, la bancarotta di una società (la Urban Screen) che guidava fino al 2008.

L’azienda ora è senza Amministratore Delegato, in un momento delicato. "Nell’attesa di nominare in tempi molto brevi un nuovo amministratore delegato, il Consiglio ha nominato una task force per risolvere nel più breve tempo possibile i problemi di gestione del software di programmazione dei turni del personale che hanno creato gravi criticità ai viaggiatori in questi ultimi giorni. I risultati del lavoro vengono costantemente monitorati dall’ ingegnere Vincenzo Soprano presidente di Trenord (a sinistra nella foto, con Cattaneo e Biesuz, ndr) che terrà informato il Consiglio".

Infine, l’annuncio di una indagine interna per capire di chi sia la responsabilità per il caos nato dal sistema di gestione dei turni del personale: "Nel rinnovare le scuse ai passeggeri per i gravissimi disagi subiti, il Consiglio ha deliberato di costituire un team specifico e di avviare una immediata indagine interna per verificare eventuali responsabilità dei disservizi e di prendere gli opportuni provvedimenti".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.