Un presidio per i diritti dei pensionati

Spi - Cgil, Cisl Pensionati e Uil pensionati hanno indetto una mobilitazione nazionale per richiamare l'attenzione sulle difficili condizioni degli anziani in Italia ai tempi della crisi

Una giornata per difendere i diritti dei pensionati, una delle fasce più deboli della popolazione e perciò più duramente colpita dalla crisi. E’ quella che hanno messo in campo Spi – Cgil, Cisl Pensionati e Uil pensionati, che hanno indetto una mobilitazione nazionale per richiamare l’attenzione sulle difficili condizioni degli anziani in Italia ai tempi della crisi.

«Le richieste che avanziamo sono sostanzialmente tre -Presidio spiega Umberto Colombo, segretario Spi Cgil di Varese – La prima è di non proseguire con il blocco sugli aumenti Istat delle pensioni, la seconda è l’approvazione di norme più giuste sulla non autosufficienza, la terza è una politica fiscale che sia più equa nei confronti dei pensionati». Per questo anche le tre organizzazioni varesine hanno indetto un presidio davanti alla prefettura di Varese, e alle 11.30 hanno consegnato al prefetto una lettera, destinata al presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio dei ministri, con le loro richieste. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.