Un presidio per i diritti dei pensionati

Spi - Cgil, Cisl Pensionati e Uil pensionati hanno indetto una mobilitazione nazionale per richiamare l'attenzione sulle difficili condizioni degli anziani in Italia ai tempi della crisi

Una giornata per difendere i diritti dei pensionati, una delle fasce più deboli della popolazione e perciò più duramente colpita dalla crisi. E’ quella che hanno messo in campo Spi – Cgil, Cisl Pensionati e Uil pensionati, che hanno indetto una mobilitazione nazionale per richiamare l’attenzione sulle difficili condizioni degli anziani in Italia ai tempi della crisi.

«Le richieste che avanziamo sono sostanzialmente tre –Presidio spiega Umberto Colombo, segretario Spi Cgil di Varese – La prima è di non proseguire con il blocco sugli aumenti Istat delle pensioni, la seconda è l’approvazione di norme più giuste sulla non autosufficienza, la terza è una politica fiscale che sia più equa nei confronti dei pensionati». Per questo anche le tre organizzazioni varesine hanno indetto un presidio davanti alla prefettura di Varese, e alle 11.30 hanno consegnato al prefetto una lettera, destinata al presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio dei ministri, con le loro richieste. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.