Varese a Crotone col dubbio Nadarevic

I biancorossi in campo domenica alle 15 in Calabria. Castori cerca la quinta vittoria consecutiva ma deve decidere se schierare l'ala bosniaca; in alternativa spazio a Kink

NadarevicIl Varese è in partenza per la Calabria dove domani, sabato 23 dicembre (ore 15), sfiderà il Crotone per la ventesima giornata d’andata del campionato di serie B. I biancorossi si presentano alla sfida con il vento in poppa, considerando le quattro vittorie consecutive ottenute – Grosseto, Cittadella, Ternana, Pro Vercelli – ma devono fare i conti con alcuni giocatori non al meglio, tra cui Nadarevic: il bosniaco, trascinatore nel 3-0 contro i toscani sabato scorso, è rimasto fermo a inizio settimana e Fabrizio Castori deciderà solo domani se schierarlo o meno all’Ezio Scida: «Nada è in ripresa – spiega il tecnico biancorosso –, ieri si è allenato, oggi ha fatto quello che ha potuto. Le decisioni le prenderò domani, a ridosso del fischio d’inizio della gara». Ballottaggio aperto quindi tra Nadarevic e Kink. Da sciogliere anche altri nodi: Corti e Neto sono a disposizione, ma pare più probabile vedere dal primo minuto il centrocampista (al fianco di Damonte) piuttosto che il brasiliano, considerando anche l’ottimo momento di forma di Martinetti: «Giocherò con chi sta meglio – racconta Castori – e soprattutto non voglio partire con eventuali sostituzioni “obbligate”».
 
IL CROTONE – Necessario per l’allenatore del Varese avere in campo giocatori nella miglior forma fisica possibile: «Affrontiamo una partita che sappiamo essere difficile. Troveremo un Castoriambiente ostile e una squadra carica, che giocherà con motivazione in uno stadio caldo. Ci vogliono concentrazione, ritmo alto e impegno. Non bisogna farsi trarre in inganno dagli ultimi risultati dei nostri avversari (il Crotone, dopo il successo in casa della Pro Vercelli del 17 novembre, ha incassato due pari e due sconfitte), in particolare dal 3-0 di sabato in casa del Modena: è una squadra buona, con giocatori di qualità; andare in casa loro è tutto tranne una passeggiata di salute». Il pericolo numero 1 tra gli squali crotonesi è sicuramente Denilson Gabionetta: «Un giocatore veramente forte, che fa la differenza soprattutto in casa – analizza Castori – Sa creare superiorità numerica e andare a concludere: dobbiamo stare attenti. In settimana ci siamo focalizzati su ciò che dobbiamo fare a livello tattico contro i loro esterni e, in particolare, contro di lui: dobbiamo cercare di farlo ricevere molto lontano dalla porta, pressandolo appena riceve palla per non dargli libertà di azione, anche portando raddoppi dalla stessa o da altre linee». 
 
TURNOVER? – La sfida ai calabresi sarà la prima di tre sfide nel giro di una settimana: il 26 c’è il Brescia a Masnago, il 30 la trasferta ad Ascoli: «Prima di tutto pensiamo a questa partita – dice Castori – Ogni sfida presenta le sue problematiche, certo è che la stanchezza la potrò misurare dopo la partita, non certo prima. Partiamo in 22, gli unici che rimangono qui sono gli indisponibili Carrozzieri, Lazaar e Oduamadi». 
 
SOSTA, AVVERSARI, MERCATO – Conclusi i discorsi sulla sfida al Crotone, Castori offre un’analisi della situazione attuale per la lotta ai vertici e una riflessione sul mercato: «Forse solo il Sassuolo è irraggiungibile. Il Livorno sabato ha vinto ma la Ternana con più malizia poteva portare via un punto; sul Verona invece abbiamo accorciato. Non penso che il campionato sia deciso già a dicembre e credo fino a un certo punto che il mercato possa cambiare di molto le cose: chi compra tanto vuol dire che ha problemi; bisogna ritoccare con uno-due elementi ma i nuovi devono anche essere inseriti. Positiva però la sosta lunga a gennaio, in modo da poter lavorare coi nuovi e non avere giocatori in odore di partenza che devono però scendere in campo». 
 
IL RITORNO DI ODU – In conclusione c’è finalmente una bella notizia per i tifosi biancorossi: Nnamdi Oduamadi è tornato ad allenarsi insieme ai compagni e Fabrizio Castori è felice di riabbracciarlo: «Un infortunio è sempre brutto e triste, soprattutto quando è lungo. Tornare a giocare una partitella d’allenamento è un punto d’arrivo che diventerà subito di ripartenza. Siamo contentissimi di riaverlo con noi: tecnicamente Odu è un giocatore che non si discute, il nostro compito è aiutarlo a rientrare anche dal punto di vista mentale». 
 
 
Crotone-Varese probabili formazioni
Crotone (4-2-3-1): Caglioni, Matute, Vinetot, Abruzzese, Mazzotta, Addae, Galardo, Gabionetta, Caetano, De Giorgio, Ciano  All. Drago
Varese (4-4-2): Bressan; Fiamozzi, Rea, Troest, Grillo; Zecchin, Corti, Damonte, Nadarevic (Kink); Martinetti, Ebagua. All. Castori. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.