Villa Cortese si ferma a un passo dall’impresa

Non riesce all’Asystel MC-Carnaghi la rimonta su Bergamo: le biancoblu vincono il quarto set ma si arrendono sul 15-13 al tie break e restano al quinto posto. Infortunio alla caviglia per Folie

Non sono mai partite normali quelle tra Villa Cortese e Bergamo: per l’ennesima volta la sfida tra le grandi rivali, che due stagioni fa si contendevano il titolo italiano, si conclude al tie break dopo 2 ore e 13 di scambi combattuti fino all’ultimo pallone. La Foppapedretti, che in stagione ha vinto ben 5 tie break su 6, si conferma grande rivelazione di questo campionato; l’Asystel MC-Carnaghi riesce soltanto a fare un favore alle “cugine” di Busto Arsizio (che grazie a questo risultato conquistano il titolo d’inverno) ma non a scalare altre posizioni in classifica. Le biancoblu, quindi, chiudono il girone d’andata al quinto posto e giocheranno in trasferta, sul campo di Modena, la gara decisiva dei quarti di finale di Coppa Italia (9-13 gennaio). Va aggiunto che Villa ha ancora una volta affrontato la partita in condizioni di emergenza: alla vigilia di Natale, Raphaela Folie ha subito una distorsione di secondo grado alla caviglia – con possibile interessamento dei legamenti – che ha tolto dai giochi la centrale più in forma del campionato. Ciò nonostante l’Asystel ha potuto contare su un’ottima Veljkovic (5 muri) e su una ricezione efficace, con punte di 64% di perfezione; in palleggio è invece ripresa l’alternanza tra Rondon, schierata da titolare, e Mojica, subentrata a partire dal terzo set. Tutt’altro che soddisfatto Gianni Caprara: “Non siamo mai stati in partita se non nel quarto set e nella parte centrale del quinto; abbiamo faticato a trovare il ritmo in attacco, è cambiato qualcosa solo con l’ingresso di Vilmarie. Questa partita dimostra ancora una volta la nostra dipendenza dal muro e la necessità di miglirare in difesa”.

LA PARTITA – Sestetto obbligato per Villa Cortese, con Veljkovic e Garzaro al centro e Parrocchiale libero; risponde Bergamo con la formazione titolare. Dopo una brutta partenza (5-1 con ace di Di Iulio), l’Asystel MC-Carnaghi si rifà sotto sul 7-6 grazie a un muro di Veljkovic e dal 10-7 infila un parziale di 0-6 con tre errori delle padrone di casa. Bergamo non demorde e va al controsorpassa sul 16-15 con Di Iulio; il punteggio rimane in equilibrio (19-20) nonostante il tentativo di fuga firmato da Rondon (21-23). Sul 23-23 decidono Klineman e un errore di Crimes. La reazione della Foppa nel secondo set fa male: subito 4-1 e poi 11-6 con Crimes e Di Iulio. Blagojevic firma l’ace del 15-8, Diouf fa 18-11; Villa recupera qualcosa con Bosetti (20-16) ma Crimes chiude sul 25-19 un set stellare per le bergamasche (63% in attacco).

Si ricomincia a lottare nel terzo set: dopo l’8-6 iniziale Villa impatta sul 10-10 e passa in vantaggio 11-12 con un ace di Rondon. Le percentuali di attacco ospiti però sono troppo basse e Bergamo ne approfitta per portarsi sul 16-13 con le solite Di Iulio e Diouf. Il muro della Foppa è decisivo in questa fase: doppietta di Devetag per il 20-14. Caprara chiama time out e inserisce Mojica, Villa annulla tre set point ma alla fine ancora Crimes realizza il punto del 25-20. La palleggiatrice portoricana resta in campo per il quarto set e sprona l’Asystel alla rimonta: Veljkovic e Barun firmano l’1-4 con due muri. Bergamo resta lì (6-6) e reagisce anche all’ace del 7-9 di Barun, riportandosi in vantaggio sul 12-10. Villa risponde con un altro ace, stavolta di Klineman (15-15), e il finale è di nuovo in volata; sul 19-18 quattro punti consecutivi di Garzaro e Klineman valgono il break decisivo. La Foppa si scioglie e ancora Klineman, aiutata da un muro di Mojica, è protagonista per il 20-25 che porta le squadre al tie break.

Ancora grande emozioni nel set decisivo: Bergamo parte meglio volando 5-2 e poi 7-4, ma dal servizio di Barun parte ancora la rimonta (7-6) e Viganò, subentrata a Bosetti, piazza due attacchi di fila per il 7-8. Le due squadre restano a contatto fino all’ultimo, ma sul 10-10 sale in cattedra Diouf, che si procura due palloni per chiudere (14-12); le ospiti annullano il primo, sul secondo Di Iulio mura Bosetti per il 15-13 finale.

Foppapedretti Bergamo -Asystel MC-Carnaghi Villa Cortese 3-2 (23-25, 25-19, 25-20, 20-25, 15-13)
Bergamo: Klisura, Bruno (L), Crimes 12, Brown 2, Weiss 1, Blagojevic 12, Merlo (L), Di Iulio 22, Devetag 12, Diouf 26, Balboni, Zambelli ne. All. Lavarini.
Villa C.: Malagurski 1, Viganò 4, Mojica 2, Nomikou ne, Klineman 16, Danesi ne, Veljkovic 13, Garzaro 7, Barun 21, C.Bosetti 13, Parrocchiale (L), Rondon 3. All. Caprara.
Arbitri: Daniele Zucca e Davide Prati.
Note: Spettatori 2800. Bergamo: battute vincenti 3, battute sbagliate 3, attacco 43%, ricezione 79%-51%, muri 15, errori 22. Villa: battute vincenti 4, battute sbagliate 6, attacco 36%, ricezione 72%-49%, muri 17, errori 21.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.