Villa crolla in Polonia ma arriva il ripescaggio

Una disastrosa Asystel MC-Carnaghi si arrende senza lottare sul campo del Sopot, ma la qualificazione era già sicura: grazie alla sconfitta di Muszyna, la squadra biancoblu è la migliore delle terze classificate

L’incubo di Villa Cortese diventa realtà a Sopot (foto CEV), almeno per chi non sa: la tragica trasferta in Polonia, iniziata con un viaggio di quasi 24 ore tra aereo, pullman e bufere di neve, si conclude con una bruttissima sconfitta in tre set sul campo dell’Atom, dove sarebbe bastato un punto per aggiudicarsi il secondo posto e il passaggio del turno. Ma anche se la notizia non arriva subito in campo e sulle tribune, la qualificazione era già certa ancora prima di giocare: grazie alla sconfitta di Muszyna contro la Dinamo Mosca, arrivata nel pomeriggio, l’Asystel MC-Carnaghi è la migliore delle terze classificate, davanti proprio alle polacche che hanno lo stesso numero di punti ma una vittoria in meno. Per il rotto della cuffia, le biancoblu passano dunque alla seconda fase di Champions al termine di una partita davvero da dimenticare: disastrosa la ricezione (19% di perfetta), tutte le attaccanti sotto il 30%, 7 errori in battuta e nessun ace contro 4 subiti. La fotografia di una squadra allo sbando, per nulla risollevata dai cambi, che al di là dell’obiettivo europeo miracolosamente acciuffato deve assolutamente ritrovare la giusta strada prima che sia troppo tardi.

LA PARTITA – Assente come previsto Veljkovic, ancora ferma per l’infortunio agli addominali, Caprara porta in panchina la giovane Danesi e conferma il sestetto titolare visto nel derby, con Parrocchiale libero. Il Sopot propone dall’inizio Erika Coimbra in banda, per il resto confermato il sestetto visto in Italia. Avvio tutt’altro che facile per Caterina Bosetti, che si prende subito una murata e commette un altro errore per il 2-0; Villa riesce però a portarsi avanti di misura con Folie (6-8) e conferma il vantaggio sull’11-13 con Barun. L’Atom raggiunge il pareggio grazie a un’invasione di Klineman (14-14) e dal 14-15 trova un break micidiale: parziale di 6-0 con 2 attacchi e 2 ace della scatenata Rourke. Villa prova timidamente a tornare in partita con Klineman (23-19), ma poi Garzaro sbaglia la battuta e ancora Rourke chiude il primo set.
Sfida in salita per le biancoblu, che nel secondo provano a reagire: 4-7 con due errori polacchi. Sopot però recupera in un amen grazie alla solita Rourke (7-7) e si stacca di nuovo sul 10-8 con un errore di Bosetti. Si lotta testa a testa, ma ancora una volta il 14-15 è il passaggio cruciale: le polacche piazzano un altro break per il 18-15 e lo conferma per il 20-16. Villa scompare dal campo, nonostante gli ingressi di Viganò e Malagurski, e si arrende con il punteggio di 25-18.
Che le ospiti (con le due subentrate ancora in campo) abbiano ormai alzato bandiera bianca lo si vede nel terzo set: subito parziale di 8-3 e poi 11-4 per la squadra di Grabowski. Il Sopot dilaga per il 19-9 e mantiene il vantaggio sul 23-13, fino all’inevitabile chiusura di Kaczorowska per il 25-15.
"I complimenti vanno al Sopot che ha fatto una partita meravigliosa – commenta Gianni Caprara – io sono molto addolorato per i nostri sponsor, ma alle giocatrici non posso imputare nulla". Katarina Barun è abbattuta: "C’è poco da dire dopo una sconfitta così, è stata una partita in cui loro non ci hanno lasciato alcuno spazio e noi non siamo state in grado di conquistarcene".

Atom Trefl Sopot- Asystel MC-Carnaghi Villa Cortese 3-0 (25-20, 25-18, 25-15)
Sopot: Zenik (L), Coimbra 8, Belcik 7, Podolec 2, Shelukhina 6, Wilk, Kwiatkowska, Lukasik 4, Kuziak ne, Acea Cabrera ne, Rourke 26, Kaczorowska 5. All. Grabowski.
Villa C.: Malagurski 2, Viganò, Mojica, Nomikou ne, Klineman 8, Danesi ne, Folie 9, Garzaro 6, Barun 8, Bosetti 6, Parrocchiale (L), Rondon. All. Caprara.
Arbitri: Cuk (Serbia) e Markov (Russia).
Note: Spettatori 2050. Sopot: battute vincenti 4, battute sbagliate 6, attacco 45%, ricezione 60%-46%, muri 9, errori 12. Villa: battute vincenti 0, battute sbagliate 7, attacco 30%, ricezione 40%-19%, muri 6, errori 21.

Girone B: Rabita Baku-Agel Prostejov 3-0 (25-17, 25-23, 25-15); Sopot-Villa 3-0. Classifica: Rabita 18; Sopot, Villa 9; Prostejov 0.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.