Cine teatro Lux, una storia in controtendenza

La piccola sala di Sacconago gode di buona salute e offre tanti appuntamenti per gli amanti del cinema, grandi e piccoli. Una piccola realtà che sopravvive tra crisi e multisala investendo anche sul digitale

E’ tempo di chiusura di bilanci per tutti e anche per il Cinema Teatro Lux, storica sala di Sacconago. Se qualcuno poteva immaginare di trovare una situazione di difficoltà, come in tante piccole realtà culturali in questo periodo di crisi, al Lux invece si possono incontrare visi sorridenti, disponibilità, tanta voglia di fare e molti progetti in cantiere. In piena controtendenza rispetto al settore, infatti, quest’anno si regista un buon incremento degli ingressi, un dato inaspettato quanto confortante. Ma qual’è la chiave di questo successo? Franco Cozzi responsabile del cinema non ha dubbi: un’accurata programmazione che si rivolge ad un pubblico variegato, una attenta politica dei prezzi ed una particolare attenzione ad internet e alle sue svariate tecniche comunicative.

I punti di forza del Lux sono veramente tanti e più di 40 volontari che prestano la loro opera lo dimostrano, mai come in questo caso possiamo dire che dietro le quinte. C’è il cineforum del venerdì curato da Raffaele Aiani diviso in ben tre sezione (autunnale, invernale e primaverile) che propone una vasta quanto attuale rassegna con ben 30 film.  C’è il cinema del week end dedicato soprattutto alle famiglie sempre alle prese con un difficile bilancio da far quadrare e con le programmazioni per i ragazzi. C’è il cinema a merenda, “vera chicca”, dove insieme alla proiezione si offre la merenda a tutti i piccoli ospiti.

Sicuramente non è da meno la ricca proposta di iniziative e spettacoli dal teatro alla musica, dalla danza alle esibizioni e ai saggi, che vedono il Lux sempre attivo ed aperto tutto l’anno.
Ricordiamo, infine, ma non ultimo, il sito internet www.cineteatrolux.com ormai inesauribile ed aggiornata fonte di informazione che compie due anni nella sua rinnovata veste, che ha permesso a questa sala di raggiungere obiettivi veramente inaspettati.

Tutto questo lo si può verificare anche con la programmazione del mese di febbraio che, oltre alla prosecuzione del Cineforum d’inverno, vede proporre per il cinema week end “Vita di Pi”, “Asterix e Obelix”, “Mai Stati Uniti” ed “Il mostro di Parigi” mentre il cinema a merenda, invita tutti i bambini a festeggiare il giovedì grasso assistendo a “Le avventure di fiocco di Neve”.

Ma se guardiamo ad un futuro un po’ più distante, cosa ci si deve aspettare?
Sicuramente non si può parlare di futuro senza dover mettere in conto il passaggio al digitale.
Ebbene si, la gloriosa pellicola dopo 100 anni di storia andrà in pensione ma il Lux non chiuderà, non sarà come in Nuovo Cinema Paradiso di Tornatore.  E’ un investimento sicuramente importante per un cinema che vuole mantenere il suo ruolo di aggregazione anche garantendo prezzi contenuti ed è costretto a combattere con i colossi dell’intrattenimento.
Ce la faremo! Ribadiscono al Lux, anche con l’aiuto di tutti coloro che credono in noi e nella nostra opera.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 febbraio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.