A Villa Calcaterra arriva Marco Braico, scrittore a tutto campo

Venerdì 3 maggio alle 21 l'autore torinese, arbitro di serie A1 di pallavolo, presenta il suo nuovo libro "Metà di tutto". Il ricavato della serata sarà destinato all'acquisto di un'apparecchiatura medica per l'ospedale di Busto

Dai banchi di scuola al seggiolone di arbitro di pallavolo, fino alla libreria: è una vita davvero "a tutto campo" quella di Marco Braico, professore torinese classe 1968 che insegna Matematica e Fisica in un liceo di Orbassano. A Busto Arsizio in molti lo conoscono come "fischietto" di serie A1, direttore di gara anche di molte partite della Unendo Yamamay; e proprio così è venuto in contatto con lui anche l’avvocato Roberto Porrello, grande tifoso della squadra biancorossa, che con la sua associazione culturale giuridica Parresia ha organizzato la presentazione dell’ultimo libro di Braico, "Metà di tutto".
L’evento si svolgerà domani sera, venerdì 3 maggio, alle 21 a Villa Calcaterra; si tratterà di una delle prime uscite pubbliche del romanzo, uscito in aprile 2013 per i tipi di Effatà. L’autore è già noto al pubblico per l’opera d’esordio "La festa dei limoni" (2011), un romanzo autobiografico in cui racconta la sua convivenza con la malattia: Braico, infatti, in passato ha sofferto da una grave forma di leucemia. Da questa esperienza è nato un progetto per l’acquisto di strutture mediche da donare a diverse strutture sanitarie: gli obiettivi raggiunti sono riepilogati sul sito www.lafestadeilimoni.it. La serata di Busto Arsizio non fa eccezione: parte del ricavato dalla vendita dei libri, infatti, sarà destinata all’acquisto di una nuova attrezzatura per il reparto di Ematologia dell’ospedale cittadino.
L’ingresso al pubblico è gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.