Ancora un raduno skinhead, la Polizia interviene e scattano le denunce

Questa volta la festa in un bar di Samarate non era stata autorizzata. Ad organizzarla l'associazione bustocca Ardito Borgo, nota per essere vicina agli ambienti dell'estrema destra. Presenti anche alcuni neonazisti di Do.Ra.

Questa volta il concerto rock di estrema destra non era autorizzato e la Questura di Varese, tramite gli agenti del commissariato di Busto Arsizio, non ci ha messo molto a notificare una denuncia al responsabile dell’associazione Ardito Borgo e al titolare del bar Mistral di Samarate per aver messo in piedi uno spettacolo non autorizzato nel seminterrato del locale. A cantare e ballare alla quarta edizione di "Avanti le pinte", la tradizionale festa della birra del circolo, c’erano numerosi skinhead della zona di Busto Arsizio e Varese, alcuni appartenenti all’ormai nota "Comunità dei Dodici Raggi", gruppo del quale fanno parte i neonazisti varesotti che hanno festeggiato il 20esimo compleanno del loro sodalizio a Malnate nel giorno della nascita di Hitler.

Nella serata di sabato 18 maggio gli agenti della Squadra amministrativa della Questura di Varese, insieme agli agenti del Commissariato di Busto Arsizio, sono intervenuti presso il bar samaratese per dei controlli amministrativi relativi ad un presunto concerto rock organizzato dall’associazione Ardito Borgo. Il servizio, predisposto dal Questore di Varese e finalizzato alla verifica di eventuali violazioni amministrative e penali da parte dei promotori, ha permesso di rilevare che nel seminterrato era in atto un concerto rock organizzato dall’associazione bustocca. La festa era stata ampiamente promossa attraverso la pagina facebook dell’associazione e per arrivarvi era attiva anche una infoline rispondente ad un numero di telefono del Regno Unito.

Le verifiche amministrative nei confronti dell’esercizio hanno permesso di contestare nei confronti della proprietà, numerose violazioni amministrative come la mancata esposizione della licenza, la mancata esposizione all’interno del cartello con l’orario adottato, la mancata esposizione del cartello previsto dall’art.180 reg. tulps, la mancata esposizione all’esterno del menu degli alimenti serviti, la mancanza del cartello vietato fumare, l’ampliamento della superficie senza autorizzazione del sindaco, le modifiche planimetriche senza autorizzazione dell’Asl, la mancanza dei requisiti di sorvegliabilità e la mancanza di etilometri a disposizione degli avventori all’uscita. Il tutto per sanzioni amministrative che ammontano a circa 6.000 euro. Gli operatori, inoltre, verificate le normative di settore, hanno denunciato il titolare dell’esercizio ed il responsabile dell’associazione Ardito Borgo per aver messo in atto uno spettacolo senza autorizzazione del Sindaco.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.