Ancora un rinvio per la decisione sul concorso dei presidi

La decisione del consiglio di Stato attesa martedì 30 aprile non c'è stata. Accolta la richiesta del rappresentante dello Stato ri rimandare al 4 giugno

Una riunione dei presidi idonei in attesaNuova fumata nera per il concorso dei presidi in Lombardia. La questione, aperta dal luglio dello scorso anno, avrebbe dovuto trovare una risposta nel pronunciamento del Consiglio di Stato martedì 30 aprile. I giudici, invece, hanno accolto la richiesta del rappresentante dell’Avvocatura di Stato di rinviare nuovamente la decisione gelando gli oltre 400 presidi in attesa di validazione.
Il rappresentante statale aveva chiesto un rinvio a metà maggio, ma gli avvocati dei ricorrenti hanno domandato ulteriori giorni per poter vedere la perizia dell’esperto incaricato dai giudici e presentare controdeduzioni. La nuova riunione si terrà il prossimo 4 giugno.
Sconcerto viene espresso dai candidati che hanno superato la prova ma sono sospesi: « Ci siamo sentiti beffati – chiariscela professoressa Maria Emilia Gibellini – la seduta è durata meno di 90 secondi. Giusto il tempo di definire la nuova data. Ora ci aspettiamo che il 4 giugno si entri nel merito della questione perchè ormai tutti i dettagli sono stati chiariti e i documenti acquisiti. Non abbiamo più molto tempo: una volta definita la questione la sentenza dovrà essere pubblicata. Poi, se a noi favorevole, si dovranno effettuare tutti i passaggi burocratici per completare l’iter. Il nuovo anno scolastico non è tanto lontano»

Proprio lunedì scorso, i "presidi sospesi" avevano incassato l’ennesimo appoggio da parte dell’Ufficio scolastico regionale, di regione Lombardia e di tutte le sigle sindacali: «Spero che tutto questo appoggio serbva ora a raggiungere risuoltati concreti» commenta la professoressa Gibellini dopo 10 mesi di battaglie. 

Leggi tutti gli articoli sull’argomento

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.