Angelo PInciroli & Friend sul palco del Sociale

Il trombettista e la sua orchestra saranno protagonisti di una serata all'insegna della buona musica e dell'amicizia artistica

Dalle note della canzone «Gli uomini non cambiano» di Mia Martini a quelle di «Angeli negri» di Fausto Leali, passando per le colonne sonore di film come «Il padrino» e «Mission»: sarà una serata tutta da scoprire, all’insegna della buona musica e dell’amicizia artistica, quella in programma lunedì 6 maggio, alle ore 21, al teatro Sociale di Busto Arsizio, nell’ambito della stagione cittadina «BA Teatro».
Si chiude, infatti, con il concerto «Angelo Pinciroli & Friends» la mini-rassegna «Ma che musica, maestro», promossa dall’associazione culturale «Educarte» e dal Teatro dell’Opera di Milano, con il patrocinio della Fondazione comunitaria del Varesotto onlus.  Dopo gli allestimenti delle opere liriche «Pagliacci» di Ruggero Leoncavallo (21 febbraio 2013) e «Turandot» di Giacomo Puccini (18 aprile 2013), firmati dal regista Mario Riccardo Migliara per lo stesso Teatro dell’Opera di Milano, sarà la volta di Angelo Pinciroli, prima tromba e tromba solista nell’orchestra della Fondazione Arena di Verona, salire sul palco della sala di piazza Plebiscito, che lo ha già visto ospite in occasione della festa per i centoventi anni dalla sua inaugurazione.

Il talentuoso musicista lombardo, diplomato in tromba al conservatorio «Giuseppe Verdi» di Milano e con all’attivo un corso di direzione d’orchestra tenuto dal maestro Julian Kovatchev, ha calcato i più prestigiosi palcoscenici d’Europa, da Vienna a Londra, diretto da bacchette del calibro di Lorin Maazel, George Pretre, Alain Lombard, Claudio Scimone e Julian Kovatchev. Nel suo curriculum, compaiono collaborazioni con importanti complessi musicali italiani quali, per esempio, le orchestre del teatro alla Scala, della Rai di Milano e della Fenice di Venezia, ma anche partecipazioni a concerti live con autori come Franco Battiato, Fabrizio De Andrè e Luciano Ligabue. È del 1993 il ruolo di prima tromba e tromba solista nell’orchestra della Fondazione Arena di Verona, importante coronamento per la carriera di questo artista apprezzato, nel mondo della musica, per la straordinaria tecnica e la grande sensibilità musicale, ma anche per l’indiscutibile simpatia.

Ospiti di questa prima edizione di «Angelo Pinciroli & Friends» (un appuntamento che è nelle intenzioni di Delia Cajelli, direttore artistico del teatro Sociale di Busto Arsizio, proporre a cadenza annuale) sarà L’«Orchestra a fiati Santa Cecilia» di Uboldo, diretto dallo stesso Angelo Pinciroli, compagine che, da otto anni, promuove un appuntamento musicale a favore dell’Aisla onlus (Associazione italiana Sclerosi laterale amiotrofica) – sezione provincia di Varese, e che partecipa a numerose iniziative benefiche in tutta Italia, l’ultima delle quali sarà domenica 5 maggio a Finale Emilia.

«Il concerto -dichiara Lorenzo Guzzetti, sindaco di Uboldo, a nome dell’intero corpo musicale- sarà un inno alla musica, all’amore e alla vita. Grazie al talento di fama internazionale del maestro Pinciroli, avremo modo di spaziare da brani per orchestra a famosissimi brani della musica leggera italiana passando per le più belle colonne sonore di film come «Mission», «Notting Hill», «L’ultimo dei Mohicani», «Pearl Harbor». I virtuosismi del nostro maestro, prima tromba dell’Arena di Verona e dal 1991 legato alla nostra orchestra, saranno momenti di altissima qualità a livello musicale».

Il programma di sala, ancora in via di definizione, permetterà di farsi coinvolgere, tra l’altro, dalle note «Ragazzo dell’Europa di Gianna Nannini, «Tu sei l’unica donna per me» di Alan Sorrenti, «La nostra relazione» di Vasco Rossi, ma anche di «I dreamed a dream», ballata tratta dal musical «Les Miserables», e di «La Virgen de la Macarena».
Il costo del biglietto per il concerto è fissato ad euro 16,00 per l’intero ed euro 12,00 per il ridotto, riservato a riservato a giovani fino ai 21 anni, ultra 65enni, militari, soci Tci, Cral, biblioteche, dopolavoro e associazioni con minimo dieci persone, amici del corpo musicale «Orchestra a fiati Santa Cecilia di Uboldo». Il botteghino del teatro Sociale di Busto Arsizio è aperto nelle giornate di mercoledì e venerdì, dalle 16.00 alle 18.00, e sabato, dalle 10.00 alle 12.00.

Grazie alla fattiva collaborazione di Sergio Gallinaro, presidente del «Orchestra a fiati Santa Cecilia di Uboldo», saranno attivi, a partire da mercoledì 17 aprile, punti vendita dei biglietti anche nelle città di Saronno (Radiorizzonti in Blu, Piazza Libertà, 2; Ortofrutta Il melograno, via Giuseppe Garibaldi, 38; Merceria Ceriani Maria Linda, vicolo Pozzetto, 20) e Uboldo (Cartoleria Antonio Pagani, via Magenta, 19).
Per informazioni è possibile contattare la segreteria del teatro Sociale di Busto Arsizio, in orario d’ufficio (dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00; il sabato, dalle 9.30 alle 12.00), al numero 0331.679000.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.