Arcisate-Stabio, il Cantone chiede a Berna d’intervenire

Dopo lo stop ai cantieri in territorio italiano della ferrovia Lugano-Malpensa, da Bellinzona si chiede che anche la Confederazione faccia sentire la sua voce sul governo italiano

La preoccupazione per le sorti della ferrovia internazionale Lugano-Varese-Malpensa (più nota in Italia come Arcisate-Stabio) non riguardano solo i sindaci italiani, ma anche il Canton Ticino, per cui l’opera ha un alto valore strategico. La Commissione della gestione e delle finanze, riunitasi martedì pomeriggio a Bellinzona, ha deciso "di incaricare l’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio (il Parlamento cantonale)" per invitare "la Confederazione a voler intervenire presso le competenti Autorità italiane al fine di risolvere la grave situazione venutasi a creare sul versante italiano del cantiere della ferrovia". Una richiesta di intervento rivolta a Berna che certamente fa comprendere il livello di guardia che esiste in Ticino sull’opera: il cantiere sul lato italiano è ufficialmente fermo da settimana scorsa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.