Arcisate-Stabio. Legambiente: “Opera strategica per la Lombardia”

Per Legambiente occorre un tavolo di lavoro per chiedere intervento di Regione e Ministero: “È un’opera strategica per i rapporti con la Svizzera, si trovino subito i soldi togliendoli alle troppe autostrade inutili”

«Il blocco del cantiere ferroviario ha messo a nudo tutti i limiti del nostro sistema di affidamento degli appalti pubblici». Legambiente interviene in merito ai cantieri della ferrovia Arcisate – Stabio e va all’attacco anche del Governo regionale: «Come è possibile che nessuno, a partire dall’ex assessore Cattaneo, tra un’inaugurazione e una sfilata istituzionale davanti alle telecamere, abbia mai trovato il tempo di verificare la natura geologica dei substrati su cui si andava a scavare per realizzare un’opera di questa importanza? E’ così che si progettano le grandi infrastrutture lombarde?».

Per Legambiente “l’Arcisate-Stabio” è un’infrastruttura prioritaria, soprattutto per la credibilità della Lombardia nei rapporti transfrontalieri, alla vigilia di un evento come Expo e dell’apertura della nuova linea internazionale del Gottardo, ed è gravissimo il rischio che il cantiere si areni. «Di sicuro questo collegamento ferroviario è molto più strategico, per la mobilità delle persone, di quanto non siano le numerose strade e autostrade che stanno sventrando inutilmente il territorio – ribadisce il presidente di Legambiente Lombardia, Damiano Di Simine -. I nuovi fondi per lo stoccaggio delle terre arsenicate del cantiere si trovino rinunciando immediatamente ad altre e meno utili opere regionali».

«Arcisate, Induno Olona, Cantello sono paesi ignobilmente deturpati da un’opera incompiuta –insiste Sergio Franzosi, presidente del circolo Legambiente della Valceresio-, il cui costo programmato avventatamente era di 160 milioni di Euro e che di sicuro aumenterà. Perchè la presenza di arsenico è stata rilevata solo dopo l’inizio dei lavori e quasi casualmente? La letteratura specialistica riporta, da sempre, la presenza più o meno cospicua di arsenico nelle terre del basso Canton Ticino e della valle Bevera, i progettisti non potevano ignorarla».

Legambiente chiede dunque l’apertura di un tavolo di lavoro tra i sindaci di tutti i comuni della Valceresio, le associazioni ambientaliste e i sindacati per sollecitare l’intervento di Regione e Ministero. L’associazione si rende da subito disponibile a collaborare con le amministrazioni locali per qualsiasi iniziativa che porti allo sblocco dei lavori. «Vanno però anche individuati i responsabili di questa situazione. Quel che è certo è che non si può tenere ancora per molto tempo gli abitanti delle zone interessate con una viabilità caotica e con una probabile bomba ambientale sotto i piedi. All’attuale assessore regionale, che eredita questo sfacelo, chiediamo che relazioni pubblicamente sullo stato dell’arte, sui fondi predisposti e quelli effettivamente erogati, oltre che sulle azioni che si intraprenderanno per la prosecuzione dei lavori, che devono essere immediate e indifferibili».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.