Cadavere bruciato in riva al fiume. È giallo in Ticino

Il Ministero pubblico del Canton Ticino e la Polizia cantonale hanno aperto un'inchiesta per risalire all'identità della vittima

È mistero intorno alla morte di un uomo avvenuta questa mattina nelle vicinanze di Locarno. Il Ministero pubblico del Canton Ticino e la Polizia cantonale hanno reso noto in serata il ritrovamento del cadavere nel comune di Solduno. La vittima è stata avvistata da una donna che stava passeggiando vicino a via Bastoria. Ad attirare l’attenzione una macabra circostanza: il corpo stava infatti bruciando e si trovava sull’argine del fiume Maggia. La Polizia cantonale è immediatamente intervenuta e ha aperto un’inchiesta per identificare l’uomo e per chiarire le circostanze della morte. Sul posto sono giunti anche gli agenti della Polizia comunale di Locarno e la Scientifica che ha effettuato i rilievi del caso. L’indagine è coordinata dal Procuratore pubblico Nicola Respini. Le forze dell’ordine hanno invitato eventuali testimoni che avessero notato la vittima nelle ore precedenti, a contattare la Polizia cantonale allo 0848 25 55 55. Si tratterebbe un uomo alto, vestito di scuro e che trasportava un trolley (foto a lato).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.