Che ricordi avete di Andreotti?

Andreotti è stato uno dei protagonisti della vita politica italiana. Lo ricordiamo così...

Quella mattina del 16 marzo resterà per sempre nei miei ricordi. Ci sono date che segnano le vite. Avevo 18 anni, sui banchi di scuola della quinta liceo a Viterbo, quando arrivò la notizia del rapimento di Aldo Moro e dell’uccisione degli uomini della sua scorta. Giulio Andreotti stava andando in Parlamento per ottenere la fiducia al suo terzo Governo. Un esecutivo anomalo, fondato sulla "non sfiducia" perché era un monocolore democristiano appoggiato da tutte le forze politiche ad eccezione dell’estrema destra.
Andreotti ebbe un ruolo molto controverso durante tutta la fase del sequestro di Moro, tanto che ne Il divo, film magistrale di Paolo Sorrentino, interpretato dal un grande Toni Servillo, la parte più inquietante è proprio quel tormento che continua ad assalire e accompagnare il leader DC.
Andreotti ha accompagnato la mia "adolescenza politica" e anche dopo. Negli anni del Berlusconismo si è spesso sentito ripetere, "meglio Andreotti".
Ma è davvero così? Quali sono i vostri ricordi di uno degli uomini politici più influenti del passato secolo?
Scriveteci qui  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.