Cordì interroga la giunta su Equitalia

Il consigliere comunale di Sel: «Non è stato predisposto un servizio alternativo nonostante la cessazione del servizio ai Comuni fosse già definita per legge da ben due anni»

Il consigliere comunale di Sel Rocco Cordì ha presentato un’interrogazione alla giunta su Equitalia. «Tra le tante inadempienze del Comune di Varese particolare rilievo assume la vicenda Equitalia e più precisamente la mancata predisposizione del servizio alternativo – spiega Cordì -. Nonostante la cessazione del servizio ai Comuni fosse già definita per legge da ben due anni. Come sulla questione IMU ho presentato questa interrogazione per evidenziare le gravi responsabilità di chi anche a livello locale preferisce abbandonarsi alla demagogia anzichè svolgere i compiti che gli sono propri».

Il testo della mozione
Il sottoscritto Consigliere Comunale
PREMESSO CHE
da qualche giorno la società Equitalia ha cessato di svolgere il servizio di riscossione per conto dei Comuni,
nonostante siano trascorsi almeno due anni dall’avvio delle procedure previste per la cessazione del servizio nulla è stato fatto dalla Giunta Comunale per giungere preparati all’appuntamento,
le forze politiche di maggioranza anziché assumersi le responsabilità del caso hanno continuato imperterriti la loro campagna strumentale e denigratoria scaricando sulla Società medesima la responsabilità di atti e procedure imputabili a chi ha emanato le disposizioni di legge regolanti il servizio stesso,
le direttive regolanti l’attività di Equitalia sono state emanate nel tempo dal Ministero delle Finanze, sul cui scranno più alto e per quasi un decennio si è seduto il dott. Giulio Tremonti uomo del PDL e amico e sodale della Lega, lo stesso che mentre inaspriva le norme verso i contribuenti più deboli si dimostrava aperto e tollerante verso i grandi evasori (condono sui capitali occultati all’estero),
ancora poche settimane fa al grido di “Equitalia uguale strozzini” e “Equitalia fuori dalla Lombardia” la Lega Nord di Varese, con la partecipazione di esponenti della Giunta Comunale, ha dato vita alla ennesima marcia demagogica e propagandistica contro Equitalia,
CHIEDE
all’Assessore al Bilancio e alla Giunta
di conoscere le decisioni finora assunte per subentrare a Equitalia, quale sistema di riscossione si propone, a chi si intende affidare la gestione del servizio, i tempi previsti per l’avvio dell’attività e, infine, le conseguenze derivanti dalla mancata predisposizione in tempo utile del servizio sostitutivo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.