È morto Giulio Andreotti

Protagonista della politica italiana per tutto il ventesimo secolo, è stato sette volte presidente del consiglio, e ventidue volte ministro. Aveva compiuto a gennaio 94 anni

È morto Giulio Andreotti.

Fin dalla fase Costituente nel 1946, Andreotti è stato un protagonista assoluto della vita politica italiana e uno dei principali esponenti della Democrazia Cristiana e 
Sette volte presidente del consiglio (tra cui il governo di "solidarietà nazionale" durante il rapimento di Aldo Moro tra il 1978 e il 1979), è stato anche 22 volte ministro:  8 volte alla Difesa; 5 volteagli Esteri; 3 volte alle Partecipazioni Statali;
2 volte alle Finanze, una volta a testa al Bilancio, all’Industria, al Tesoro, all’Interno (e fu il più giovane della storia repubblicana, a soli trentaquattro anni), una volta ai beni culturali e una alle Politiche Comunitarie.

Attualmente era senatore a vita: non ha però partecipato alle ultime votazioni. 
Considerato da sempre un’eminenza grigia dei poteri forti, il 2 maggio 2003 è stato giudicato per concorso esterno in associazione mafiosa dalla Corte d’Appello di Palermo, la quale però lo ha assolto per i fatti successivi al 1980 e ha dichiarato il non luogo a procedere per i fatti anteriori.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.