È nato il Movimento Italia nazione

Il movimento ruota intorno a due figure storiche della destra varesina Gianpiero Maccapani ed Enzo Rosa. Al debutto era presente anche Mario Borghezio

È stato un debutto molto affollato quello del neonato Movimento Italia Nazione. Nella sala del Caffé Zamberletti c’erano molti esponenti della destra storica varesina, e non solo, raccolti intorno alla figura di Gianpiero Maccapani. Accanto a lui Enzo e Ivonne Rosa, Paolo Tatti, Luca Iaconianni, Fabrizio Nicolini, Vincenzo Biotti, Paolo Aras e Franco Pozzi.
Il nuovo movimento affonda le sue radici nella destra sociale con richiami espliciti al modello del Front national francese di Marine Lepin, alla dottrina mistico-politica di Julius Evola, ma soprattutto all’esperienza più volte evocata del Movimento sociale di Giorgio Almirante. «Mentre in Italia a destra c’è un vuoto totale, in Europa la destra viaggia a doppia cifra – ha detto Maccapani -. In venti giorni abbiamo ricevuto 350 richieste di adesione, quindi vuol dire che quello spazio c’è. Io faccio l’avvocato, un lavoro che mi piace, e nessuno qui a partire da me è in cerca di una poltrona».
Maccapani ha spiegato inoltre i punti principali del programma politico del movimento delle due aquile: lotta alla casta e ai privilegi, rispetto delle competenze funzionali, meritocrazia, riforma radicale della giustizia e del sistema fiscale, tassazione dei capitali esportati all’estero, moratoria di due anni per i debiti delle pmi, rinegoziazione del debito pubblico con l’Europa, salario minimo sociale, inasprimento delle pene per i reati di corruzione, concussione e violenza sessuale.
Presente anche l’europarlamentare della Lega Nord Mario Borghezio che, dopo aver fatto gli auguri al neonato movimento, di cui ne condivide i principi ispiratori, ha detto di «non temere la concorrenza».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.