Enzo Iacchetti e le canzoni di Gaber in scena al Casinò

Lo spettacolo sarà in scena sabato 25 maggio, al Solone delle Feste

“Chiedo scusa al signor Gaber”: l’interessato di sicuro accetterebbe, non soltanto per l’innato garbo, ma riconoscendo l’omaggio che Enzo Iacchetti gli sta tributando con la tournée dell’omonimo spettacolo che la sera di sabato 25 maggio sarà a Campione d’Italia, nel Salone delle Feste del Casinò che quest’anno festeggia il proprio ottantesimo. Enzo Iacchetti è da sempre un estimatore dell’opera di Giorgio Gaber e da padrone di casa del Festival che a Viareggio è intitolato al cantautore ha affinato nel tempo un’ammirazione che in “Chiedo scusa al Signor Gaber” cela dietro l’ironia la riconoscenza dovuta all’amico e maestro: rivisitandone il repertorio delle origini, traduce il sentimento in coinvolgente spettacolo con uno stravolgimento delle canzoni che, come ha scritto Mario Luzzatto Fegiz, “diventano un esilarante Helzapoppin”. “Com’è bella la città” esplode in tormentone a base di Expo, per esempio, in “Barbera e champagne” irrompe la citazione rap di Jovanotti, “Porta Romana” è volto in “Porto Romana” intrecciandosi con “Vengo anch’io” di Jannacci. Con le canzoni del primo Gaber stravolte e arrangiate modernamente, lo spettacolo di Enzo Iacchetti persegue un dichiarato obiettivo: “Farne scoprire l’autore a chi non lo conosce e non farlo dimenticare” a chi sa e apprezza l’opera di quello che Iacchetti considera “un filosofo del ‘900”. Sul palco del Salone delle Feste, al nono piano del Casinò Campione d’Italia, Enzo Iacchetti sarà accompagnato da Marcello Franzoso nonché dalla Wits Orchestra, formazione triestina composta da Loretta Califra, Tony Soranno e Fabio Soranno. 
Sabato 25 maggio l’appuntamento è fissato alle 20.30: allo spettacolo sono annessi la cena (al costo di 120 franchi svizzeri, o 100 euro circa) oppure il drink (35 franchi svizzeri, circa 30 euro). Per le prenotazioni telefonare al numero + 41 91 640 11 11 -numero verde 00800 800 777 00.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.